menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla Biblioteca Malatestiana riflettori puntati sui gusti musicali dei giovani

I risultati complessivi dell’indagine verranno presentati nel corso di un incontro che si terrà sabato alle 9.30, nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana

Qual è il rapporto dei ragazzi cesenati con la musica? Quali generi preferiscono? Quanti si limitano ad ascoltarla e quanti, invece, la suonano? Sono solo alcune delle domande a cui ha cercato di dare risposta l’indagine sui comportamenti musicali dei giovani del territorio cesenate realizzata nei mesi scorsi da Adagioassai (soggetto privato impegnato nella formazione musicale di base e nella divulgazione della cultura musicale), grazie alla collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena.

Curata da Gaia Zappi e Luisa Battistini, la ricerca è partita con la distribuzione di un lungo e articolato questionario (ben 104 domande) che è stato rivolto a circa 1.600 studenti e studentesse delle scuole secondarie di Cesena. Dall’elaborazione delle risposte così raccolte è emersa una fotografia dettagliata delle abitudini e dei gusti musicali dei ragazzi; negli intenti dei promotori questo sarà il punto di partenza per definire un progetto – pilota mirato a diffondere un nuovo approccio alla cultura musicale, sulla base delle indicazioni fornite dagli stessi giovani.

Dall’indagine emerge il ruolo preponderante che la musica ricopre nella vita dei ragazzi: oltre il 75% degli intervistati dichiara di ascoltarla pressoché tutti i giorni. Ma, anche se trascorrono gran parte del loro tempo libero in compagnia delle tecnologie, sono loro stessi a segnalare che sovente la musica è un indesiderato sottofondo proveniente dai mass-media (e non solo). Quanto ai generi preferiti, se la giocano quasi alla pari il pop (indicato dal 34% degli interpellati) e il rap (32,2%), mentre oltre il 60% degli intervistati ammette di non avere alcuna dimestichezza con l’opera lirica. La ricerca rivela, inoltre, che gli adolescenti riconoscono al fare musica un valore solo quando questa consente una maggiore socialità: suonare e cantare in gruppo è ciò che più interessa. E, per far questo – se ne rendono conto gli stessi ragazzi – è indispensabile acquisire, presto e bene, le competenze necessarie.

I risultati complessivi dell’indagine verranno presentati nel corso di un incontro che si terrà sabato alle 9.30, nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana e verrà introdotto dall’assessore alla Cultura del Comune di Cesena, Christian Castorri. Alla presentazione dell’indagine statistica seguirà una tavola rotonda con la partecipazioni di enti, istituzioni, associazioni, docenti e professionisti coinvolti nella promozione e diffusione della cultura musicale sul territorio. L’evento sarà preceduto venerdì alle 17, da un intervento del professor Luca Marconi, docente di pedagogia della musica al Conservatorio Luisa D'Annunzio di Pescara e coautore del libro “La musica e gli adolescenti, pratiche, gusti, educazione”. La conferenza del professor Marconi si intitola “Tanta voglia di lei, ma si può dare di più. La fame di musica degli adolescenti e il menù della formazione musicale made in Italy”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento