Cronaca

Al lavoro in bici, 20 centesimi per ogni chilometro: il Comune chiama a raccolta le imprese

L'assessore Francesca Lucchi: “Creare una rete tra amministrazione e imprese è prezioso al fine di garantire benefici all’ambiente e alla nostra città”

Venti centesimi per ogni chilometro percorso in sella alla propria bici sul tragitto casa-lavoro, fino a un massimo di 50 euro mensili per ogni lavoratore. Andare in bici al lavoro è sempre più comune tra i cesenati che ne hanno la possibilità e a partire dalle prossime settimane l’Amministrazione comunale di Cesena, riproponendo la stessa formula di Cambiamomarcia, tornerà ad erogare incentivi a coloro che prediligono la mobilità leggera e green all’utilizzo dell’automobile privata. In questo caso, tuttavia, gli incentivi passano attraverso quelle aziende pubbliche o private del territorio comunale di Cesena che, a partire da oggi, lunedì 21 giugno, possono aderire al progetto “Bike to work”, nato grazie a risorse messe a disposizione della Regione Emilia-Romagna, in seguito al decreto legge del febbraio 2020 avente a oggetto misure urgenti  in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologi cada Covid-19.

Aziende private ed enti locali, con sede operativa nel territorio comunale di Cesena, aderendo all’avviso pubblico del Comune hanno dunque la possibilità di partecipare a questa innovativa iniziativa di mobilità sostenibile che consente di premiare i lavoratori più virtuosi in tema di sostenibilità. “L’esperienza triennale del progetto Cambiamomarcia – commenta l’Assessora alla Mobilità Sostenibile e alla Viabilità Francesca Lucchi – ci offre le basi per proporre ai cesenati ulteriori misure a vantaggio della mobilità leggera e tese a favorire una cultura sostenibile degli spostamenti. Oggi però, oltre ai lavoratori, grandi protagonisti del nuovo bando sono le aziende locali a cui rivolgiamo l’invito di aderire a questo progetto innovativo che guarda al futuro e che ci consente di creare una rete tra Amministrazione e mondo delle imprese. Attraverso questa nuova misura, che contribuirà certamente a incrementare i benefici ambientali e urbani, dalla riduzione del traffico alla riduzione dell’inquinamento, il Comune, per un periodo sperimentale di 5 mesi, potrà garantire una piccola remunerazione a tutti quei dipendenti virtuosi che, per raggiungere la propria sede di lavoro, preferiranno la bici a qualsiasi altro mezzo. Inoltre, tutti gli utenti residenti a Cesena che dal 1° luglio al 30 novembre acquisteranno l’abbonamento mensile per l’utilizzo del servizio in sharing di bici e monopattini elettrici, potranno godere di ulteriori incentivi per la riduzione delle tariffe”. 

Le aziende ammesse a partecipare potranno dare avvio all’iniziativa solo dopo aver sottoscritto un accordo con il Comune. I soggetti potranno aderire tramite un mobility manager aziendale, così come previsto dal Decreto Rilancio, oppure attraverso un responsabile aziendale. Le aziende avranno il compito di pianificare, gestire e promuovere soluzioni ottimali di mobilità sostenibile ed essere referente del progetto ‘Bike to work’ sia per i dipendenti che per il Comune. La presentazione della domanda di partecipazione è possibile online all’indirizzo protocollo@pec.comune.cesena.fc.it. Successivamente, il lavoratore dell’azienda sottoscrivente la domanda può aderire al progetto fino al 31 luglio 2021 iscrivendosi al link pubblicato sul sito di Cambiamomarcia.

Per tutte le informazioni: 
https://www.comune.cesena.fc.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/47554

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al lavoro in bici, 20 centesimi per ogni chilometro: il Comune chiama a raccolta le imprese

CesenaToday è in caricamento