rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Da Carta Bianca al cantiere, i frutti della progettazione partecipata: le opere prendono forma

"Questi dati - sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore Miserocchi – testimoniano in modo eloquente come la progettazione partecipata, che da anni caratterizza la costruzione del nostro bilancio, non sia solo un bello slogan"

Procede spedito il passaggio dalla carta al cantiere per buona parte dei progetti scaturiti dalle ultime edizioni di Carta Bianca, fra 2014 e 2016. Su una sessantina di opere segnalate (valore complessivo circa 17 milioni), oltre un terzo è già stato ultimato o è in corso di completamento, mentre per un’altra fetta cospicua (anche in questo caso, oltre un terzo) i lavori stanno per partire o sono in appalto. Il drappello restante comprende una serie di interventi già in fase di progettazione o per i quali, comunque, è già partito l’iter procedurale, a cui se ne aggiungono alcuni per i quali sono previsti approfondimenti per l’analisi di fattibilità. Questa la fotografia dello stato di avanzamento dei progetti come emerge dal resoconto trasmesso alla commissione consiliare competente dall’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi.

“Questi dati - sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore Miserocchi – testimoniano in modo eloquente come la progettazione partecipata, che da anni caratterizza la costruzione del nostro bilancio, non sia solo un bello slogan, ma si traduca in un impegno concreto per tradurre in pratica le proposte dei cittadini. Chi ha seguito le varie edizioni di Carta Bianca ricorda quanto sia stato ricco e articolato il ventaglio di opere segnalato dai cittadini, comprendendo sia interventi di ampio respiro come la messa in sicurezza della via Emilia Ovest (di cui è già stato completato il primo lotto ed è in corso di progettazione il secondo)  o della via Cervese (in corso), sia lavori più ridotti, ma non per questo meno sentiti, come passaggi pedonali protetti e rilevatori di velocità. A tutti abbiamo dedicato la stessa attenzione, e questo ci ha portato, nel corso di questi anni, ad avviare una significativa mole di lavoro, che prosegue tutt’ora, per tradurre in realtà le opere scaturite dall’ultimissima edizione di Carta Bianca, dedicata al bilancio 2017".

SICUREZZA STRADALE - Entrando nel dettaglio, per quanto riguarda l’edizione di Carta Bianca 2014 (in previsione del bilancio 2015), lo stato dell’arte è il seguente. Il progetto di messa in sicurezza di via Cervese, via Madonna dello Schioppo, Via Chiesa di S. Egidio, del valore complessivo di un milione di euro, è articolato in tre lotti. Il primo lotto, relativo alla via Cervese, è già in corso e si concluderà entro l’estate, mentre i lavori del secondo lotto dovrebbero iniziare a settembre. Il terzo e conclusivo lotto è inserito nel bilancio 2017. La messa in sicurezza della via Emilia Ovest, nel tratto Diegaro-Ponte Nuovo, a cui è collegato l’analogo intervento previsto per viale della Resistenza e la zona Ippodromo (per un importo complessivo di 4 milioni e 750mila euro) ha già visto la realizzazione del primo lotto, relativo alla riqualificazione della via Emilia, mentre è inserito nel bilancio 2017 ed è in corso la progettazione del secondo lotto della via Emilia e della riqualificazione di viale della Resistenza.

SAM CARLO - Già ultimati, invece, gli interventi per la riqualificazione e valorizzazione di San Carlo (comprendenti la riqualificazione dei marciapiedi, un nuovo parcheggio e l’installazione di rilevatori di velocità, per un importo complessivo di 300.000 euro) e tutte le opere previste per la messa in sicurezza della via Dismano (pista ciclabile dal cimitero fino a via Cooperazione, guard-rails fino al confine, rilevatore di velocità a Sant’Andrea), del valore complessivo di 566mila euro. E ancora, nel capitolo dedicato alla riqualificazione e valorizzazione di Ponte Abbadesse, per un investimento complessivo di 830.000 euro, già eseguito l’intervento sui marciapiedi dalla scuola alla chiesa, mentre partiranno entro luglio i lavori per il completamento della pista ciclabile (2° lotto); infine, è in corso di redazione il progetto definitivo per il recupero dell’immobile ex Conad.

SAN GIORGIO - Nel quadro delle opere per la riqualificazione e valorizzazione di San Giorgio (importo complessivo 3.140.000 euro), è stata già eseguita l’asfaltatura della banchina di via San Giorgio. Sono in corso (e dovrebbero concludersi entro il prossimo settembre) i lavori della palestra a servizio del polo scolastico della frazione, compreso l’ampliamento parcheggio. Entro fine estate dovrebbero essere riqualificate le fermate bus e le pensiline della frazione, mentre si sta procedendo ad approfondimenti nell’ambito del Pums (Piano urbano della Mobilità Sostenibile) per quanto riguarda il progetto della pista ciclabile di San Giorgio.

VIABILITA' E SOCIALE - Fra le altre opere concluse all’interno del pacchetto di Carta Bianca compaiono anche la sistemazione degli spazi di socializzazione in piazza Sciascia, nell'area dell'ex Zuccherificio (importo 30.000 euro) e interventi per la messa in sicurezza di via Fiorenzuola e viale Abruzzi, Fra i lavori in corso, quelli per lo spogliatoio e i bagni a servizio degli orti per anziani di via Friuli  e sulle strutture del palco di via Marzolino (quartiere Fiorenzuola) e, spostandoci nel quartiere Ravennate, quelli per il nuovo tratto di pista ciclabile da Ronta a San Martino, lungo la via Ravennate. In previsione, infine, l’avvio all’interno del Pums dei monitoraggi propedeutici alla progettazione di tre piste ciclabili: quella fra  Capannaguzzo e Gambettola, quella di Calisese, quella fra Borello e Borgo delle Rose (quest’ultima in accordo con la Provincia). A buon punto anche il percorso per tradurre in pratica le proposte scaturite da Carta Bianca per il bilancio 2016.

QUARTIERI - Già portati a termine la manutenzione straordinaria delle sedi dei quartieri Al Mare e Fiorenzuola (per un importo di 70.000 euro) e l’attraversamento rialzato in via Fogazzaro, mentre entro l’estate è prevista la realizzazione della rotatoria per  la messa in sicurezza di Via Settecrociari. Inizieranno entro l’estate i lavori per la realizzazione di corposo pacchetto previsto nella programmazione dei quartieri: nell’elenco compaiono la messa in sicurezza via Malanotte, il percorso pedonale in via Ruffio  fino al cimitero di Bugaria, il semaforo pedonale di via Don Minzoni, la sistemazione del parcheggio di via Mantova, la messa in sicurezza dell’incrocio in via Roversano San Carlo, la tombinatura del fosso in via Tessello, l’installazione di 2 rilevatori di velocità a Borello zona Gallo, la manutenzione di piazza Indipendenza, l’attraversamento pedonale protetto in Via Europa, la costruzione di una rampa disabili in via Isei, la realizzazione di un percorso pedonale protetto in via Serraglio, la sistemazione di via Masiera.

NUOVI CANTIERI - A questi si affianca un altrettanto nutrito gruppo di lavori per i quali è in corso la gara d’appalto, con la previsione di aprire i cantieri entro l’anno. Ne fanno parte la realizzazione di uno stradello pedonale da via Zoli a via Vicini, una nuova area cani in via Strabatenza, la riqualificazione del Parco di Iqbal, l’integrazione degli arredi e della fontella nelle aree verdi di via Rubicone S.Pietro e di via Marghera. A completare il quadro una serie di interventi più complessi e che attualmente sono in varie fasi preparatorie.

SCUOLE - Sul fronte dell’edilizia scolastica compaiono la ristrutturazione della scuola primaria Martorano (importo 1.100.000 euro) e la riduzione del rischio sismico della scuola A. Frank (importo 2.500.000 euro). Per quanto riguarda la scuola di Martorano, è stato approvato il progetto preliminare ed ora è in corso di reazione quello definitivo; il finanziamento dell’intervento è previsto nel  2017. Per la scuola Anna Frank, è già pronto il progetto esecutivo, e l’intervento è stato ammesso ad un contributo ministeriale pari al 50% (1.250.000 euro); si attende proprio l’arrivo del contributo per procedere con l’appalto.

IMMOBILI PUBBLICI - In programma anche la manutenzione straordinaria di alcuni immobili pubblici: in corso la progettazione per le opere da eseguire sul Palazzo del Diavolo (importo 130.000 euro, finanziamento inserito nel bilancio 2017), mentre si sta già intervenendo per la bonifica del capannone comunale via Ficchio.

AMBIENTE E CULTURA - In corso anche un approfondimento per l’analisi di fattibilità del progetto “Sentieri tra lo zolfo”, dedicato alla sistemazione dei sentieri nel parco in accordo con la forestale e privati. Si sta procedendo con l’iter per asegnare l’incarico di progettazione della Velostazione di Cesena ed è in fase d progettazione anche la sistemazione dello spazio sociale e ludico per le famiglie in Piazza della Libertà.

NUOVO OSPEDALE - Infine, mentre la realizzazione del parcheggio in via Ficchio è stata inserita variante urbanista per la riapposizione del vincolo espropriativo, è stata messa per il momento in stand by la progettazione del nuovo assetto dell’area circostante il Bufalini alla luce degli sviluppi relativi alla progettazione del nuovo ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Carta Bianca al cantiere, i frutti della progettazione partecipata: le opere prendono forma

CesenaToday è in caricamento