Cronaca Savignano sul Rubicone

Affidamenti, l'amore che fa rifiorire

Sono ancora numerosi i bambini sul territorio che attendono una famiglia disposta ad accoglierli. Nel 2011 il Servizio Tutela Minori ha attivato 41 affidi e raccolto la disponibilità di 4 nuove famiglie

Storie di persone che diventano genitori e nonni, di amici che diventano zii, di bambini che diventano figli. Tante le storie che ruotano intorno al Gruppo Famiglie Affidatarie del Centro per le Famiglie del Distretto Rubicone-Costa che sabato scorso ha organizzato la Festa delle famiglie affidatarie presso la sede in via Roma, per ringraziare pubblicamente per l'impegno e la dedizione i genitori affidatari. Come Paola, 30 enne, single e mamma affidataria di due bambini di 12 e 8 anni.

“All'inizio – racconta – è stato impegnativo, cercavo di adattare le esigenze dei bambini alle mie. Oggi trascorro il sabato pomeriggio a fare i compiti con loro, cosa impensabile prima per me, e non mi pesa. Tutti i miei amici sono diventati i loro zii e miei genitori si sono trasformati volentieri in nonni. Sono contenta”. Anche la storia di Monica è quella di una single che ha deciso di accogliere due sorelline di 6 e 4 anni. “Noi non siamo genitori biologici, siamo quelli che io definisco 'genitori del cuore'” racconta esortando ad aprire le porte ai bambini che si portano dentro storie di abbandono.

“Quello dei genitori affidatari è gesto doppiamente importante – ha detto Milena Mami, responsabile del Centro per le Famiglie durante il breve dibattito che ha aperto la festa - importante per il bene che fa ai bambini e ai loro genitori naturali e per il beneficio che ne deriva alla comunità, cui essi vengono restituiti al termine del percorso come 'rifioriti'”.

Sono ancora numerosi i bambini sul territorio che attendono una famiglia disposta ad accoglierli. Nel 2011 il Servizio Tutela Minori ha attivato 41 affidi e raccolto la disponibilità di 4 nuove famiglie per il territorio del distretto (composto dai comuni di Borghi, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone e Sogliano).

Alla festa erano presenti una ventina di famiglie affidatarie e i loro bambini. Hanno trascorso un paio d'ore con loro il Sindaco Elena Battistini, la Responsabile del Centro per le famiglie Milena Mami, le Assistenti Sociali Francesca Valdinosi e Michela Montalti, la psicologa Silvia Donati.

Erano presenti inoltre l'assessore del Comune di Savignano Piero Garattoni, il consigliere comunale con delega ai servizi sociali del Comune di Savignano Maria Pia Forlani, l'assessore del Comune di San Mauro Pascoli Angela Benedetti, l'assessore del Comune di Roncofreddo Milena Bagnolini e l'assessore del Comune di Longiano Samantha Semproli che hanno riconosciuto e sottolineato l'importanza dell'impegno che le famiglie affidatarie si assumono generosamente, offrendo un nobile servizio all'intera comunità.

Ha partecipato all'evento anche la responsabile dell'Area Tutela Minori dell'Unione dei Comuni del Rubicone Orietta Amadori che ha annunciato l'arrivo del nuovo regolamento dell'affido familiare da adottare in tutto il territorio del Distretto Rubicone-Costa.

Il nuovo regolamento, in linea con la recente delibera regionale n.1904/2011, in materia di affidamento familiare, accoglienza in comunità e sostegno alle responsabilità familiari, puntualizza la necessità del lavoro integrato fra professionisti del ruolo sanitario e sociale sia nell’accompagnamento delle famiglie in difficoltà finalizzato al recupero delle proprie capacità genitoriali, sia nel sostegno alle famiglie che si rendono disponibili all’affidamento familiare di un bambino/ragazzo. Nel regolamento si sottolinea l’importanza della promozione di reti di famiglie in collaborazione con il privato sociale e in raccordo con le azioni di sostegno all’affido, realizzate presso il Centro per le Famiglie.

“Essere famiglie affidatarie vi fa onore – ha concluso il Presidente del Distretto Rubicone Costa Elena Battistini – perché testimonia la capacità di donarsi senza aspettare nulla in cambio. Tutti voi che vi siete resi disponibili lo avete fatto in modo generoso e libero. In tal modo offrite un salvagente per molti ragazzi e costituite un patrimonio per l'intera comunità. Il mio auspicio è che il patrimonio che voi rappresentate possa crescere senza limiti e attrarre altre famiglie a questa esperienza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affidamenti, l'amore che fa rifiorire
CesenaToday è in caricamento