Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca

Acqua bene comune: "Politica è debole e impreparata"

"Eludendo la risposta alle nostre richieste, gli amministratori presenti hanno sostanzialmente espresso una debole posizione di principio per l' acqua pubblica"

Nella giornata di lunedì 8 luglio 2013 si è svolto un incontro presso la sede della Provincia di Forlì - Cesena fra gli amministratori delle Province della Romagna, Atersir e i Comitati territoriali Acqua Pubblica Bene Comune di Forlì - Cesena, Faenza, Ravenna, Rimini. "Ci teniamo - scrive il comitato di Forlì - a sottolineare che i  Comitati da oltre un anno, con ripetute richieste scritte, avevano sollecitato l'incontro".

"A due anni di distanza - aggiunge - dal Referendum del 12-13 giugno 2011, che ha visto 513.203 cittadini romagnoli votare 2 si, il suo esito rimane inattuato e contraddetto e, da quanto è emerso dall’incontro, non pare che gli amministratori abbiano intenzione di contribuire perché ne sia pienamente rispettato l'esito referendario. A fronte delle richieste avanzate dai Comitati di procedere con determinazione verso l’obiettivo della ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato nel nostro territorio, le risposte degli amministratori sono state evasive e complessivamente negative".

"Al fine di affrontare questo percorso i Comitati Acqua della Romagna hanno ribadito la necessità di trasformare Romagna Acque - Società delle Fonti Spa pubblica in Ente Consortile di Diritto Pubblico e, visto che la concessione del Servizio Idrico Integrato nel comune di Rimini alla Multi Utility Hera Spa – attualmente in deroga - è scaduto nel marzo 2012, di perseguire la scelta per la gestione pubblica di tale servizio".
    
"Eludendo la risposta alle nostre richieste, gli amministratori presenti hanno sostanzialmente espresso una debole posizione di principio per l' acqua pubblica, affermando che occorre studiare " la materia " (a 2 anni di distanza dal referendum) in quanto molto complessa e che non ci sono ad oggi le condizioni per impegnarsi esplicitamente per il percorso di ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato".

I Comitati di Forlì - Cesena, Faenza, Ravenna, Rimini ritengono, invece necessario che si arrivi in tempi brevi alla costituzione di un Tavolo dell'Acqua  affinchè si imposti un confronto per la ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato in tutta l'area romagnola, che dimostri  una   netta volontà politica volta ad andare in questa direzione.

"Ci attendiamo una risposta precisa e positiva, in assenza della quale saremo costretti a concludere che nel nostro territorio non s' intende dare corso alla volontà espressa dalla maggioranza assoluta dei cittadini italiani  (e romagnoli) con il pronunciamento referendario. Quindi rafforzeremo le nostre iniziative di mobilitazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua bene comune: "Politica è debole e impreparata"
CesenaToday è in caricamento