menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusi nell'area Baruzzi, la Provincia dà l'ok all nuovo piano urbanistico

"Vengono così dissipati i dubbi, espressi in Consiglio Comunale dai gruppi di minoranza, sulla legittimità del procedimento e della delibera relativa": a indicarlo sono il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore alle Politiche di qualificazione urbana Orazio Moretti

La Provincia conferma la Valutazione di Sostenibilità Ambientale già effettuata sul Piano Urbanistico Attuativo polifunzionale relativo all’area di Pievesestina presentato dalle  ditte Golden srl, Ecotech srl e Baruzzi Sabrina. “Vengono così dissipati i dubbi, espressi in Consiglio Comunale dai gruppi di minoranza, sulla legittimità del procedimento e della delibera relativa”: a indicarlo sono il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alle Politiche di qualificazione urbana Orazio Moretti in una lettera inviata giovedì mattina ai consiglieri comunali.

Si tratta della contestatissima area su cui si è abbattuta la protesta di 'Cesena Siamo Noi', in quanto lo stato di fatto attuale dell'area è diverso da quello descritto nella documentazione, per la presenza di un presunto abuso edilizio da parte della ditta 'Baruzzi Sabrina': si tratta di un deposito di prefabbricati proprio a lato dell'autostrada. Per questo, a detta delle opposizioni, il progetto urbanistico doveva ripartire da zero, con la descrizione reale dello stato di fatto di quell'area. Tuttavia la maggioranza lo ha approvato.

Scrive il sindaco Paolo Lucchi, assieme all'assessore Moretti: “Come è noto, giovedì 25 Settembre scorso, pur con una “clausola sospensiva”, il Consiglio Comunale ha approvato il PUA, all’interno del quale è compresa la proprietà Baruzzi sulla quale, da oltre 25 anni, esiste un piazzale, che ospita i prefabbricati che l’azienda produce. Ricorderete che prima dell’approvazione del PUA, anche a seguito di chiarimenti richiesti dall’opposizione consiliare, erano state immediatamente avviate tutte le verifiche - sia documentali che mediante sopralluogo -, a seguito delle quali sono state già poste in essere le sanzioni per la parte di piazzale risultata irregolare. Infatti, chiarito che la realizzazione del piazzale di prefabbricati (da tempo visibile presso l’uscita autostradale di Pievesestina) è avvenuta fra il 1989 e il 2006, dalle ultime verifiche è emerso come il piazzale stesso sia regolare solo in parte. Per questo, per la porzione che non è risultata autorizzata, è stata emessa l’ordinanza di ripristino”.

Ed ancora: “Mentre in modo determinato e trasparente abbiamo emesso gli atti dovuti, nei confronti della ditta Baruzzi, abbiamo altresì convintamente sostenuto che eventuali o presunte omissioni relative a quei prefabbricati, non hanno nulla a che vedere con l’approvazione del “nuovo” piano Urbanistico. Anzi, abbiamo più volte ribadito che, con l’approvazione del PUA, non solo non si stava sanando alcun abuso ma, “al contrario”, si autorizzava un Nuovo Piano Urbanistico, che prevede un’area verde di 26.000 mq., proprio in sostituzione del piazzale e di “tutti” i prefabbricati esistenti. Ciò nonostante, anche dopo la ri-convocazione della Commissione Consiliare competente, alcuni Gruppi consiliari hanno chiesto il ritiro della Delibera, mentre altri hanno chiesto rassicurazioni sulla congruità/validità dei procedimenti relativi all’eventuale deliberazione. In particolare sono state chieste rassicurazioni sulla validità della già acquisita delibera della Provincia, relativamente alla Valutazione di Sostenibilità Ambientale”.

La delibera è stata quindi aggiornata con una clausola che la sospende fino all'approvazione da parte della Provincia. L'esito del voto in Consiglio Comunale ha visto a favore i consiglieri di maggioranza, si è espresso contro il gruppo di Cesena Siamo Noi mentre gli altri gruppi consiliari hanno abbandonato l’aula.

E proprio su quest'ultimo punto chiarisce Lucchi: “Ci è pervenuta la risposta della Provincia, nella quale si chiarisce che considerato che nel progetto è comunque prevista la demolizione del piazzale, pur non rappresentato nella tavola dello stato di fatto, si ritiene che la Valutazione Ambientale già effettuata, sia ad oggi da considerarsi valida. A questo punto appare evidente come, con il parere della Provincia, ente competente a tale valutazione, si sia fugato ogni eventuale dubbio o perplessità sulla validità del procedimento, e quindi sulla legittimità della delibera di approvazione del PUA in oggetto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento