rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Abbazia del Monte a rischio, servono risorse per i lavori, Il Comune: "Al fianco dei monaci benedettini"

“L’Abbazia benedettina del Monte è un luogo di culto centrale per la nostra comunità ed essenziale per il territorio regionale anche per essere meta di pellegrinaggio mariano e tappa del Cammino di San Vicinio"

A seguito delle notizie pubblicate in queste ultime ore sugli organi di informazione locale, l’Amministrazione comunale informa che sulla questione relativa alle operazioni di verifica delle fondazioni e alla stabilità dell’Abbazia di Santa Maria del Monte è già in corso un’interlocuzione con la comunità benedettina. A tal proposito, proprio nella giornata di ieri il Sindaco Enzo Lattuca e il Priore Don Mauro Maccarinelli hanno avuto modo di confrontarsi nuovamente sugli ultimi aggiornamenti.

Il Servizio sicurezza territoriale e Protezione civile di Forlì-Cesena nelle scorse settimane ha eseguito un sopralluogo, ed è in contatto con i tecnici incaricati dall’Abbazia che stanno eseguendo le indagini, le cui risultanze saranno valutate dall’Amministrazione comunale e dall’Abbazia stessa. Inoltre, sul tema del finanziamento degli interventi c’è una grande opportunità costituita dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). All’interno della Missione 1 vengono infatti stanziati 800 milioni di euro per la realizzazione di un Piano di interventi preventivi antisismici per ridurre significativamente il rischio sul patrimonio di culto ed evitare l’investimento necessario per il ripristino dopo eventi calamitosi, oltre che la perdita definitiva di molti beni. Non saranno, queste, risorse destinate ai Comuni, ma direttamente agli edifici di culto. L’Amministrazione tuttavia assicura il sostegno all’Abbazia al fine di aiutare la comunità benedettina nel tentativo di sfruttare questa opportunità e di reperire risorse.

“L’Abbazia benedettina del Monte – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – è un luogo di culto centrale per la nostra comunità ed essenziale per il territorio regionale anche per essere meta di pellegrinaggio mariano e tappa del Cammino di San Vicinio. La città di Cesena è storicamente legata da un affetto unico per l’Abbazia che si rinnova tradizionalmente il 15 agosto di ogni anno in occasione della processione, che partendo dal centro storico cittadino approda in Basilica, dove è conservata l’immagine della Madonna con il bambino. Da sempre centrali nelle vicende che hanno interessato il nostro territorio, i monaci benedettini sono protagonisti assoluti della storia di Cesena. Un mirabile riferimento è dato, ad esempio, da Don Odo Contestabile, proclamato lo scorso anno ‘Giusto tra le Nazioni’ per aver assicurato la salvezza ad alcuni ebrei in fuga nel corso della seconda guerra mondiale.

Al Monte inoltre è presente una delle biblioteche più affascinanti del territorio composta di circa 55 mila volumi di carattere teologicoed umanistico, il Laboratorio di restauro del libro, e la collezione più antica d’Europa degli Ex Voto mariani. Come avviene da secoli, anche questa volta assicuriamo il nostro sostegno al Monte e accompagneremo il Priore e la sua comunità in questo percorso che riguarda anche Cesena”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbazia del Monte a rischio, servono risorse per i lavori, Il Comune: "Al fianco dei monaci benedettini"

CesenaToday è in caricamento