menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Cesenatico il 25 aprile con tanti eventi: torna la "Pedalata della Memoria" per le vie del centro

Il Comune di Cesenatico si prepara a celebrare la Liberazione con una serie di eventi e manifestazioni rivolte alle scuole e a tutta la comunità

Tanti gli appuntamenti in programma che accompagneranno Cesenatico dal 24 aprile al 2 giugno. Nella Galleria comunale d’arte “Leonardo da Vinci”, sarà possibile visitare la mostra a cura di Orlando Piraccini “Tono Zancanaro litografo. Il segno che resiste. Antifascismo, Liberazione, Lavoro”.

Inoltre, la sezione di Cesenatico dell’Anpi ha organizzato, al Museo della Marineria, una mostra dal titolo “Tavoliccci: una storia, un crimine”, attraverso i quadri di Tinin Mantegazza saranno esposte le immagini dell’eccidio di Tavolicci. Sarà possibile visitare la mostra dal 24 aprile al 1° maggio. 

Giovedì 25 aprile, alle ore 9, il Sindaco, insieme alle autorità civili e militari depositerà le corone nei luoghi della memoria, alle 10.30 si terrà la S. Messa nella cappella del cimitero del capoluogo; alle 11.30 è prevista l’intitolazione della pista ciclabile di via Mazzini alle staffette partigiane di Cesenatico, una bella iniziativa promossa dal Comune di Cesenatico in collaborazione con l’Associazione Udi di Cesenatico.
Al termine dell’inaugurazione si potrà partecipare alle ormai tradizionale “Pedalata della memoria”.

Prosegue, infatti, l’iniziativa sui pedali che vedrà coinvolti i cittadini lungo un percorso alla scoperta delle vie che portano il nome di partigiani e martiri della libertà e della democrazia.

Le celebrazioni del 74esimo anniversario della Liberazione si concludono martedì 30 aprile, alle ore 21, nella sala conferenze del museo della Marineria con la proiezione del film “Luciana Lama da giovane”. Un evento organizzato in collaborazione con Anpi, sezione di Cesenatico.
“Anche quest’anno abbiamo scelto di confermare la “Pedalata della Memoria” – commenta il Sindaco Matteo Gozzoli –  poiché il simbolo della bicicletta, oltre ad essere un oggetto della nostra tradizione è anche un’immagine della Resistenza, quella resistenza che donne e uomini di Cesenatico non esitarono a praticare in diverse forme per difendere i principi della democrazia e della libertà da una dittatura che stava distruggendo l’Italia e l’Europa. Abbiamo, inoltre, scelto proprio la giornata del 25 aprile per intitolare, con una targa, la rinnovata pista ciclabile alle donne partigiane che hanno lottato per la loro e la nostra libertà negli anni del nazifascismo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento