75esimo anniversario della Liberazione, a Savignano celebrazioni via social

La giornata si aprirà con la posa della corona ai Caduti sotto il portico del palazzo municipale, in piazza Borghesi

La voce per le celebrazioni del 75esimo anniversario della Liberazione sarà prestata dai giovani. Giovani di oggi e giovani di ieri, “insieme” per riflettere sulla ricorrenza del 25 aprile, nella particolarissima e inedita  attualità della quarantena da Covid.

L’appuntamento con le iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale di Savignano sul Rubicone è per sabato 25 aprile.
La giornata si aprirà con la posa della corona ai Caduti sotto il portico del palazzo municipale, in piazza Borghesi 9. Alle 10 il Sindaco Filippo Giovannini procederà all’omaggio in memoria e terrà il discorso alla presenza dell’Anpi ma senza la partecipazione dei cittadini, in osservanza alle disposizioni in vigore sul distanziamento sociale. La cerimonia della posa della corona sarà visibile sulla pagina facebook di Savignano Viva e sui canali social del Comune di Savignano sul Rubicone. Sempre tramite social, i cittadini potranno seguire il discorso del Sindaco dei ragazzi Caterina Garattoni. A seguire, ore 10,30 circa, sarà trasmesso il video realizzato da una quindicina di giovani savignanesi tra i 18 e i 25 anni che nei giorni scorsi hanno lavorato con entusiasmo e grande coinvolgimento ad un progetto, ideato e coordinato dal consigliere comunale Gian Paolo Gobbi.

Il lavoro, voluto dalla Presidenza del Consiglio Comunale, vede dialogare il gruppo di giovani savignanesi con altrettanti giovani protagonisti della Resistenza, autori delle “Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana”, testo a cura di Pietro Malvezzi e Giovanni Pirelli, che raccoglie gli scritti di 112 partigiani, catturati dai tedeschi o dai fascisti che sanno che dovranno affrontare il plotone d’esecuzione o la tortura. Nell’imminenza della morte, i prigionieri scrivono ai familiari, la madre, al sorella, la fidanzata, i compagni di studio, di lavoro, di vita.
Alcune di quelle lettere saranno lette da ragazzi della stessa età degli autori. “Un’analogia voluta - spiega il consigliere Gobbi - per passare al pubblico l’immagine di quale fu la generazione costretta ad affrontare il secondo conflitto mondiale. Alle letture, accompagnate da musiche, seguirà un tributo in fotografie e musiche, ai protagonisti della guerra di oggi, ai ‘martiri’ del 2020 che stanno attendendo una nuova ‘liberazione’”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento