La spesa per le famiglie in difficoltà, i Lions fanno squadra per la solidarietà

"Una lunga crisi economica che perdura da oltre 10 anni e il suo incremento causato dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 stanno facendo aumentare il numero delle famiglie in stato di necessità"

I Lions di Cesena, del Rubicone e della Valle del Savio, unitamente ai sodalizi Lions di Forlì e in collaborazione con le Caritas delle diocesi di Cesena-Sarsina, di Forlì-Bertinoro e di Rimini, organizzeranno nelle giornate di sabato 26 settembre, 31 ottobre e 12 dicembre 2020, davanti a 15 supermercati, una raccolta di generi alimentari e di altri prodotti da destinare a famiglie bisognose del territorio. 

Nella città di Cesena le attività commerciali che hanno aderito all’appello umanitario sono il punto vendita Conad di Ponteabbadesse, piazzale Bessarione 99, e i supermercati Famila di Torre del Moro, via Annalena Tonelli 200, ed  EccoMi, via Romea 11. 
A Savignano sul Rubicone i puntI di raccolta saranno posizionatI all'Iper Shopping Center, piazza Cristoforo Colombo 3, e al Conad, via della Pietà angolo via Rio Salto. Altri presidi dei volontari Lions e della Caritas saranno a disposizione di chi vuole fare una donazione presso Famila, via del Mulino 14, San Mauro Mare, Conad City, via Don Milani 17, Bellaria, Famila, via Buozzi 77, Gambettola, e Conad, via Battistini 3, San Piero in Bagno. 

Nel corso della presentazione dell'iniziativa benefica Foster Lambruschi, presidente Lions della Zona A della II Circoscrizione, ha evidenziato che: "Una lunga crisi economica che perdura da oltre 10 anni e il suo incremento causato dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 stanno facendo aumentare il numero delle famiglie in stato di necessità. La crisci colpisce soprattutto chi già viveva situazioni di difficoltà, ma si stanno creando situazioni di povertà che coinvolgono nuove categorie di persone fragili e vulnerabili a causa della perdita o della sospensione del lavoro durante l’attuale emergenza sanitaria. Si registra inoltre un aumento nelle segnalazioni dei problemi di occupazione/lavoro, di quelli economici, di un incremento dei problemi familiari, di salute, anche in termini di disagio psicologico e psichico, e in termini abitativi".

Tale situazione è stata confermata da Filippo Monari, direttore della Caritas di Forlì-Bertinoro: "Oltre alle povertà già censite in questo tempo è emerso il bisogno di accogliere e far fronte alle nuove problematiche inattese rilevate a causa dell’emergenza Covid-19 in cui si sono imbattuti nuclei familiari con situazioni già precarie che sono precipitate drasticamente; anche famiglie che precedentemente percepivano un reddito, riuscendo a sopperire alle proprie esigenze in modo autonomo, in questo momento si sono trovate costrette a chiedere un sostegno ai nostri centri di ascolto della Romagna. Si sono aggiunte anche nuove categorie di persone fragili e vulnerabili a causa maggiormente della perdita o della sospensione del lavoro durante l’attuale emergenza sanitaria. Si registra inoltre un aumento nelle segnalazioni dei problemi di occupazione/lavoro, di quelli economici, di un incremento dei problemi familiari, di salute, anche in termini di disagio psicologico e psichico, e in termini abitativi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiunge Francesco Covarelli, responsabile del coordinamento del service "Compra qualcosa in più - Dona la spesa alle famiglie in difficoltà": "È noto che negli ultimi mesi si registra un aumento rispetto alle normali richieste di beni e servizi materiali, in particolare cibo e beni di prima necessità, con una maggiore domanda di pasti, sussidi e aiuti economici, supporto nella spesa e altro. Ed è per questo che come Club Lions della Zona A della II Circoscrizione abbiamo ideato un progetto per contribuire concretamente. In tre giornate diverse chiederemo ai clienti dei supermercati che hanno aderito all'iniziativa di acquistare uno o più di questi prodotti alimentari da lasciare all'uscita ai volontari Lions e Caritas: pasta, olio, zucchero, riso, pelati, salsa di pomodoro, fette biscottate, cracker, farina, caffè, thè in bustine, marmellata, omogeneizzati, tonno e legumi in scatola. Chiederemo di fare la stessa cosa con prodotti vari, tipo: dentifricio, detersivo per i panni e per i piatti, shampoo, sapone liquido, saponette, pannolini per bimbo, assorbenti donna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento