Colpi anche nel Cesenate, arrestata la "banda" degli scippi agli anziani

Arrestati dalla Polizia di Stato tre malviventi, responsabili di furto con strappo aggravato

Nella serata di domenica, nell’ambito dell’operazione “Alto Impatto” per garantire la sicurezza di cittadini e turisti, il personale della polizia di Stato ha ammanettato tre cittadini rumeni, in Italia senza fissa dimora, resisi responsabili di furto con strappo aggravato in corso. Tutto è iniziato nel pomeriggio quando, verso le 11.20 nella zona di Santa Giustina, nel Riminese, era stato segnalato lo strappo di una catenina d'oro ai danni di un anziano. Sul posto sono accorse le Volanti che, dopo aver avuto una descrizione dell'auto usata dai rapinatori, si sono messe alla sua ricerca. Il veicolo è stato rintracciato sulla Ss16 nei pressi di Riccione e, intimatogli l'alt, al suo interno sono stati trovati tre giovani nomadi, un ragazzo 23enne, due ragazze di 22 e 30anni e una bimba di 1 anno. Gli adulti, alla vista delle divise, hanno iniziato a dare segni di insofferenza e, allo stesso tempo, rispondendo in maniera strafottente alle domande degli agenti. Questi ultimi, dopo aver appurato che sul veicolo pendeva una nota di rintraccio da parte dei carabinieri di Malalbergo, hanno quindi deciso per un'accurata perquisizione dell'auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie all'intuito degli agenti è stato così possibile rinvenire, nascosto sotto la tappezzeria del tettuccio, tre involucri di colore bianco con all’interno tre collanine, un ciondolo e due paia di orecchini in oro giallo. Ulteriori accertamenti hanno permesso di scoprire che il bottino faceva parte del provento di altre due rapine avvenute nella mattinata di domenica nella periferia di Rimini e nel Cesenate sempre ai danni di anziani. I tre nomadi, portati in Questura, sono stati quindi identificati ed è emerso che una delle ragazze aveva una misura di divieto di ritorno nel Comune di Casole D’Elsa nonché la stessa a Firenze è stata ritenuta responsabile di un furto con destrezza di un orologio d’oro del valore di 11.000 euro che trafugò alla vittima dopo avergli offerto prestazioni sessuali. I tre, su disposizione del pubblico ministero di turno, sono stati quindi arrestati e trasferiti nei carceri di Rimini e Forlì a disposizione della magistratura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento