Morto a 21 anni mentre consegna la pizza, l'affetto e il dolore di chi lo conosceva

La morte improvvisa di Pietro ha scosso due comunità: San Mauro Pascoli e Bellaria. Tanti i messaggi di ricordo su Facebook

Una morte improvvisa, che ha sconvolto le due comunità coinvolte, San Mauro Pascoli dove Pietro risiedeva con i genitori, e Bellaria, dove il giovane lavorava come portapizze. Morire a 21 anni mentre si consegna una pizza a un cliente, il destino ha voluto così per Pietro Antonelli, 21 anni, lavorava come fattorino per la pizzeria "Quisipizza" di Bellaria.

Erano circa le 23,30 di martedì quando il giovane, originario di Avellino, è arrivato in via Nilde Iotti per consegnare le pizze a un cliente. Davanti al portone della casa, Pietro è improvvisamente crollato a terra a causa di un malore. Il cliente ha immediatamente chiamato il 118. Disperato l'intervento dei sanitari, così come disperata è stata la corsa al Bufalini, dove i medici si sono dovuti arrendere, constatandone il decesso. La prima ipotesi è che il 21enne sia stato stroncato da un infarto ma bisognerà attendere l'autopsia.

Un ragazzo serio, gentile e benvoluto da tutti. Dopo la sua morte improvvisa in tanti, amici, clienti o semplici conoscenti hanno voluto ricordarlo con messaggi di dolore e affetto sulla sua pagina Facebook. "Mi hai portato la pizza due ore prima, mio figlio ti ha regalato un suo  disegno. Come si fa a morire a 20 anni così?".  

"Siamo cresciuti insieme - scrive un amico - sin da quando eravamo piccoli, ne abbiamo passate di tutti i colori, avevi sempre quel tuo sorriso stampato in faccia. Anche quando ci vedevi giù di morale riuscivi sempre a tirarci su". "Non ci posso ancora credere, oggi ho saputo la notizia, sono rimasto senza parole. Non siamo proprio niente in questo mondo. Ciao Pietro ti ricorderò sempre per la tua simpatia e il tuo bel sorriso", il ricordo di un'altra persona che lo conosceva e lo apprezzava. "Perchè succede tutto questo? - si chiede un ragazzo -  perché questo piccolo mondo ti ha preso ad un etá molto giovane, sarai sempre nei nostri cuori per la tua semplicitá e la bellissima persona che eri".

Sconvolto anche il datore di lavoro, che ha spiegato come Pietro non avesse mai palesato in passato problemi di salute, sottolineandone la serietà e la disponibilità. Il sindaco di San Mauro Pascoli Luciana Garbuglia ha voluto sottolineare "l'immensa tragedia che colpisce prima di tutto la famiglia di Pietro. Quando muore un giovane di 21 anni è un grande dolore per tutti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento