La “presentite” e il “mal di Storia”

Recentemente ho conosciuto un ex partigiano del Battaglione Corbari, che resistette ai nazifascisti tra il ’44 e il ’45 nella zona appenninica tra Forlì e Ravenna. Si chiama Sergio Giammarchi ed abita a Forlì. “Classe ’26, ‘rudarè’ (arrotino) per cinquant’anni”, come dice lui. Mi ha regalato un piccolo opuscolo autobiografico, cui ha contribuito la CNA. Un romanzo personale, una storia commovente fatta di tragedie e dolori, ma anche di gioie e soddisfazioni. Un racconto lucido di un pezzo di storia italiana impolverata; rivolto ai giovani, cui “spetta il compito di difendere la Pace, mai inneggiare alla violenza e alla guerra”. Sessantotto anni dopo l’impiccagione dei suoi amici Silvio Corbari, Adriano Casadei, Arturo Spazzoli ed Iris Versari, esposti per un giorno intero in piazza a Forlì, Giammarchi ancora si commuove, mentre continua imperterrito ad incontrare le scolaresche, a partecipare come ospite a conferenze, a raccontare la sua verità scrivendo al computer.

Poi leggo le notizie di questi giorni ed apprendo che, la settimana prossima, in occasione del 90° anniversario della Marcia su Roma, l’omonimo Comitato terrà a Perugia un convegno culturale, nello stesso giorno e nello stesso “Quartier Generale della Rivoluzione Fascista”.
Dov’è l’errore, la distorsione? Qual è il cortocircuito storico a causa del quale non riusciamo a progredire, sdoganando un ventennio di imprese grandiose, sì, ma pagate a caro prezzo? Qual è il meccanismo educativo che si è inceppato? Perché “gli Italiani non riescono ad andare a destra senza finire ‘nel manganello’”?

Credo perché siamo vittime inconsapevoli di un paradosso culturale: pur avendo un passato straordinario, lo conosciamo poco e lo valorizziamo ancor meno, cosicché la saggezza e il progresso civile non possono attecchire. “L’Italia è un Paese di ‘contemporanei’, senza antenati, né posteri, perché senza storia […] assolutamente ignaro di se stesso”. Parole che hanno un peso maggiore se, a pronunciarle, è un giornalista di indiscussa professionalità e con simpatie fasciste, per lo meno in gioventù, come Indro Montanelli.

Forse siamo ammalati di “presentite”, di una patologia della memoria a causa della quale chiudiamo il passato in cantina, vivendo solo un eterno presente; quindi senza sedimentazione, né apprendimento. Ernesto Galli della Loggia, pochi giorni fa, scriveva: “La politica ha smarrito il senso del passato; perché nei suoi attori e nei suoi istituti - come del resto in tanta parte del Paese - si è spenta ogni idea d'Italia e della sua storia; di che cosa sia l'Italia. Dobbiamo ricominciare dall'Italia, ritornare a guardare ad essa. Sì, l'Europa naturalmente, ma è qui, entro di noi, nella nostra storia, che qualcosa si è inceppato, ed è da qui che dobbiamo ricominciare: dalla necessità di ricostruire un filo e un legame con il passato, di tornare a pensare a ciò che siamo stati. L'unica speranza che il Paese stia in piedi e reagisca, oggi risiede nella sua consapevolezza della propria identità […] Se vuole avere un futuro, l'Italia ha bisogno di tornare a credere in se stessa, e per far ciò ha bisogno di ritrovare quel senso e quel ricordo di sé che ha smarrito”.

Torniamo ad una domanda già posta: chi si farà carico di rileggere con obiettività le azioni dell’una e dell’altra parte? Chi riuscirà a sganciare la propria verità da ogni connotazione politica, superando ataviche contrapposizioni e ostilità? Quale delle parti in causa ammetterà innanzitutto i propri errori, anziché sbandierare solo le proprie gesta? Chi, fra i decisori, introdurrà una cura al “mal di Storia” di cui, in larga misura, siamo portatori sani inconsapevoli? Chi introdurrà finalmente un programma serio di Educazione civica? Chi, soprattutto, ne ha l’autorevolezza e la forza morale? La posta in gioco è alta, altissima. È l’identità nazionale, senza la quale un Paese non può guardare serenamente al futuro.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • che persona fantastica GIAMMARCHI mi hafatto emozionare!!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento