Congelare correttamente gli alimenti: buone pratiche per difendere la salute

Quali sono le modalità corrette per congelare il cibo, e quali alimenti non possono essere assolutamente messi in freezer? Scopriamolo insieme in questa guida dedicata alle buone pratiche per la conservazione degli alimenti congelati

A chi non è mai capitato di preparare o acquistare, per comodità, porzioni più abbondanti con l'intenzione di congelarle e avere sempre a disposizione qualcosa di buono da mettere sotto i denti quelle volte che non si ha tempo o voglia di stare troppo ai fornelli? Oppure, per evitare di sprecare il cibo, decidere di congelare gli avanzi. La pratica di congelare gli alimenti, però, spesso è attuata senza troppa attenzione e senza considerare alcune regole per proteggere la propria salute. 

Vediamo allora quali sono le modalità corrette per congelare il cibo, e quali alimenti non possono essere assolutamente messi in freezer!

Congelare vs surgelare: il procedimento

Anche se nel quotidiano vengono adoperati in modo intescambiabile, congelare e surgelare sono due procedimenti differenti: 

  • Congelamento: Il processo di congelamento consiste nel portare gli alimenti a una temperatura vicina ai -15°C in un lasso di tempo piuttosto lungo, circa 24 ore, attraverso il freezer di casa. Durante questo periodo di tempo si formano macrocristalli di ghiaccio che rompono la struttura cellulare degli alimenti. Ecco perché, una volta scongelato, il prodotto avrà una consistenza più molle e meno compatta.
  • Surgelazione: Con la surgelazione, invece, il raffreddamento a bassissime temperature (anche -80°) avviene in tempi molto brevi e i cristalli di ghiaccio che si formano sono minuscoli, tanto che una volta scongelato l’alimento mantiene la stessa consistenza di quello fresco. Il surgelamento, d’altro canto, si può ottenere soltanto con strumenti professionali.

Per ridurre al minimo il rischio di perdita delle proprietà nutrizionali degli alimenti in conseguenza al congelamento, basterà seguire alcuni consigli. Innanzitutto, ci sono cibi che non si possono congelare, come quelli troppo ricchi di acqua o di grassi, dato che tendono a perdere la loro consistenza e anche il loro sapore. Inoltre, occhio anche alle uova, che nel freezer esplodono!

Come congelare la carne fresca...

Per favorire il congelamento della carne fresca, cerca di evitare di mettere in freezer pezzi di grandi dimensioni. Meglio optare per fette singole e monoporzioni, ben separate l’una dall’altra: in questo modo il freddo raggiungerà più velocemente e in modo omogeneo il cuore del pezzo di carne, e anche lo scongelamento sarà più semplice e veloce. Inoltre si eviteranno gli sprechi, dato che potrai scongelare razioni più precise.

Una volta congelata, la carne può essere conservata nel freezer per un tempo che dipende sia dall’efficienza dell’elettrodomestico sia dal tipo di carne. A -18°, salsicce e macinati si mantengono per 2-3 mesi, la carne di maiale per 4 mesi, quella di bovino 9, quella di pollo e tacchino fino a 12 mesi. 

Ricorda sempre di conservare le porzioni di carne congelata in sacchetti o contenitori per alimenti, per evitare contaminazioni e preservarne le condizioni igieniche. Inoltre, applica un’etichetta su sacchetti e contenitori, indicando il tipo di prodotto e la data di congelamento.

...e il pesce 

Al momento del congelamento, il pesce dovrà essere freschissimo, perché altrimenti rischia di essere contaminato con pericolosi batteri. Inoltre deve essere ben pulito ed eviscerato, lavato accuratamente con acqua corrente, asciugato e poi chiuso in sacchetti appositi per congelare. Cerca di togliere più aria possibile dal sacchetto, in modo che il pesce possa conservarsi meglio e più a lungo senza alterazioni.

I pesci magri, come sogliola e merluzzo, possono essere conservati in freezer per massimo 6 mesi; invece, per quanto riguarda i pesci grassi, come il salmone o il tonno, è bene non superare i 3 mesi di tempo. Ricorda comunque di apporre un’etichetta su cui scrivere la data di congelamento. 

Per scongelare sia la carne che il pesce, il modo migliore è quello di riporli in frigorifero alcune ore prima del consumo, così da potersi scongelare senza traumi. In alternativa, puoi passarli sotto l’acqua fredda corrente e poi lasciarli scolare. 

10 alimenti che non devono essere congelati

Vediamo insieme quindi quali sono i 10 alimenti che è bene non congelare e perché.

  1. Verdure a foglia verdecetriolicipolle e pomodori crudi: Questi ortaggi e verdure sono alimenti ricchi di acqua che mal sopportano il congelamento: infatti, una volta congelati, perderanno molte delle loro caratteristiche e proprietà. Inoltre, quando vengono scongelati, risultano meno saporiti e fragranti.
  2. Patate: Essendo un ortaggio che, fresco, si conserva per lungo tempo senza bisogno di particolari accorgimenti, è meglio non congelare le patate, soprattutto perché, una volta scongelate, tendono a diventare particolarmente pastose. Meglio allora acquistare quelle industriali già surgelate.
  3. Anguria, ananas e melone: Come per le verdure di prima, questo tipo di frutta è particolarmente ricca di acqua e il congelamento non giova al suo sapore.
  4. Uova e salse a base di uova: Non c’è niente da fare, purtroppo le uova crude messe nel congelatore scoppiano. Invece, congelare in freezer le salse a base di uova le renderà gommose e insapori una volta scongelate. 
  5. Alimenti fritti: Qualsiasi alimento fritto, se non viene consumato subito dopo la cottura, perde croccantezza e assume una consistenza molliccia, soprattutto se decidi di congelarlo e poi scongelarlo.
  6. Latte e panna: Come per le salse a base di uova, anche questi alimenti vanno conservati freschi per godere a pieno del loro sapore e della loro bontà. Congelandoli il risultato sarà un prodotto dalla consistenza granulosa, decisamente poco invitante.
  7. Insaccati: Gli insaccati e tutte le carni lavorate attraverso il processo di congelamento perdono il loro gusto e la consistenza. La pratica migliore per conservare questi alimenti è il sottovuoto.

Nel dubbio, bevi! Come sopravvivere al caldo di agosto

Consigli in pillole

  • Non mettere nel freezer cibi caldi: abbassano la temperatura circostante e rischiano di compromettere la conservazione degli altri alimenti già presenti;
  • puoi congelare alimenti già cotti, così da doverli solamente riscaldare al bisogno;
  • se vuoi congelare il pane, avvolgilo prima in fogli d’alluminio, così da garantirne la freschezza;
  • per la pasta fresca, invece, è meglio utilizzare i classici sacchetti da freezer, aggiungendo della farina o del semolino per evitare che si attacchi;
  • ricorda sempre che gli alimenti scongelati non possono più essere ricongelati, pena la propria salute!

Freschissimi e gustosi: sconfiggi il caldo con smoothie e frullati

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impressionante salto di carreggiata per un Tir in autostrada: brividi, feriti e code in A14

  • Tragedia sfiorata in A14, scoppia il pneumatico del Tir: miracolato il camionista

  • Porta un "Oktoberfest" a Cesena, dopo tanta 'cultura' in giro per l'Europa apre la birreria

  • Superenalotto, la fortuna continua a baciare Savignano. Sfiorato il colpo milionario

  • Per chi culla il sogno di comprare casa, la banca apre le porte col "Mutuo Day"

  • Ubriaco al volante va prendere il figlio a scuola, denuncia e ritiro della patente

Torna su
CesenaToday è in caricamento