Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sequestro della E45, i cesenati: "Se doveva essere come a Genova, meglio chiuderla"

Un coro unanime dai cittadini: "Prima la sicurezza ma manca un Piano B sulla viabilità alternativa"

 

E' un coro unanime quello che proviene dai cittadini, sul sequestro di un pezzo della E45, a causa del viadotto del "Puleto", nel comune di Pieve Santo Stefano, che la magistratura di Arezzo ha giudicato "a rischio crollo con criticità estrema". Un tratto di superstrada a cavallo tra Romagna e Toscana, tra le province di Forlì-Cesena e Arezzo, un blocco totale che sta causando tanti disagi ad attività economiche, lavoratori e studenti della Valle del Savio e dell'Alta Valle del Tevere. Nelle aree di servizio al confine tra Romagna e Toscana è tutto fermo e l'atmosfera è spettrale. Disagi inevitabili, a quanto pare, per i cesenati, il ricordo della tragedia del ponte di Genova è ancora fresco. "Il sequestro è stato necessario, non si può sempre aspettare il morto, ma bisognava prevedere un percorso alternativo, un piano B", i cittadini non hanno dubbi ma sottolineano quanto sia grave "l'abbandono della statale Tiberina 3bis che poteva essere usata come alternativa in una situazione di emergenza".

Potrebbe Interessarti

Torna su
CesenaToday è in caricamento