Riccardo Soldati festeggia le 200 partite con la maglia del Romagna RFC

In 12 stagioni il rugbista ha al suo attivo 834 punti segnati, di cui 26 mete, 163 trasformazioni, 124 calci di punizione e 2 drop

200 partite giocate in 12 stagioni; 834 punti segnati, di cui 26 mete, 163 trasformazioni, 124 calci di punizione e 2 drop: con la partita di ieri con l’Amatori Parma Riccardo Soldati ha raggiunto un altro grandioso traguardo del suo percorso con la maglia del Romagna RFC, appunto quello della 200° presenza, quota che finora è stata superata solo da Emanuele Cossu. Soldati, oltre che detenere il record come miglior marcatore della storia del Romagna, grazie al suo piede che in tante occasioni ha consegnato punti preziosi alla squadra, è l’unico giocatore ad aver giocato in tutti i campionati finora disputati dal club, fin dalla stagione di esordio nel 2006, quando fece il suo debutto in campo a Roma nella partita con il Lazio Rugby, quando aveva solo 18 anni. E ora che di anni ne ha 30, l’approdo ai 200 caps non può che avere un sapore speciale per Soldati, reso ancor più bello dalla vittoria che la squadra ha ottenuto sull’Amatori Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un successo a cui Soldati ha contribuito mandando a segno due calci di punizione e i tre calci di trasformazione, il modo migliore per festeggiare questo nuovo record: “è un traguardo importante ed esserci arrivato è una soddisfazione immensa, non può che essere così per tutto quello che c’è stato in questi anni”, commenta Soldati “è un traguardo che fa capire quanto sia forte il senso di appartenenza e l’attaccamento a questa maglia. È quello che spero di aver trasmesso agli altri ragazzi, soprattutto ai più giovani: l’augurio è che tanti altri possano arrivare a provare questa emozione unica. Ringrazio chi mi ha aiutato ad arrivarci permettendomi di essere nelle condizioni per giocare, stagione dopo stagione, ognuna delle quali mi ha lasciato qualcosa di importante”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stoppati dal lockdown, ora possono partire: "Abbiamo fatto anche gli artigiani per il nostro locale"

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

  • Covid-19, un nuovo caso a Cesena, in regione il 74% dei malati ha sconfitto il virus

  • Il bollettino sul virus, un nuovo caso a Cesena. I tamponi certificano altri 21 guariti

  • Rifornivano di droga le piazze del Cesenate, la Polizia blocca la banda di pusher: 4 arresti

Torna su
CesenaToday è in caricamento