Ritorni, rivincite e scommesse: i tre nuovi si presentano: "Impossibile dire no al Cesena"

Sorrisi e fiducia per i nuovi acquisti Luca Ricci, Matteo Cortesi e Simone Russini, al primo giorno in bianconero

Sorrisi, strette di mano e tanta fiducia per il primo giorno in bianconero di Luca Ricci, Matteo Cortesi e Simone Russini. Ognuno con una storia da raccontare, a partire dall'esperto difensore che è un cavallo di ritorno. "Sono andato via da ragazzo e torno da uomo - esordisce Luca Ricci - dicono che 30 anni è l'età della maturazione calcistica". 

Il 30enne difensore si è svincolato dalla Carrarese e ha voluto fortemente il Cesena, con cui ha giocato in tutte le categorie (serie A, B e C). "Ringrazio la Carrarese che ha capito la situazione, e il tecnico Silvio Baldini, straripante in tutto". Poi subito un messaggio ai più giovani: "Questa è una piazza che dà tanto ma pretende tanto, il consiglio che posso dare è di rimanere umili". Insieme a Capellini, Ricci rappresenterà la 'romagnolità nel gruppo bianconero': "Sappiamo tutti quali sono gli obiettivi stagionali ma il mio sogno è tornare in serie B con questa maglia". Ricci 'promuove' subito Modesto e parla dei suoi vecchi mister in bianconero: "Il burbero Bisoli è stato molto importante per me, ma anche Giampaolo, che purtroppo a Cesena è incappato in una stagione sbagliata, ma il fatto che ora sia al Milan la dice lunga".

Molto determinato anche Matteo Cortesi, centrocampista offensivo classe 1998, che si è spostato solo di una quindicina di chilometri, proviene infatti dal Forlì. Un passato nelle giovanili bianconere, e la voglia di "Rivincita, voglio far vedere chi sono, tornare qui è una grande opportunità. Con tutto il rispetto per il Forlì, devo dire che Cesena è un'altra cosa". Per Cortesi sarà debutto nel calcio professionistico: "Non vedo l'ora di iniziare, per i giovani giocare in una piazza calda come Cesena non sarà un problema, anzi sarà uno stimolo". 

Ed infine c'è Simone Russini, attaccante classe 1996, la scommessa del ds Pelliccioni. Napoletano di Mugnano, Russini proviene dal Siracusa e cerca il rilancio dopo due stagioni così così. "Negli ultimi anni ho avuto qualche problema fisico che mi ha ostacolato, oltre a decisioni degli allenatori che non mi hanno favorito. Sono un esterno d'attacco che ama partire da sinistra. Posso e devo sicuramente migliorare sul piano realizzativo". Negli ultimi quattro anni solo quattro le reti messe a referto. "Penso che qui ci siano le condizioni ideali per fare bene, Cesena è una piazza a cui è impossibile dire di no". Siracusa, Paganese, Lumezzane e molte altre squadre nel passato di Russini, che ha lasciato Napoli a 16 anni per andare alla Ternana. A Cesena cerca la consacrazione, in un gruppo giovane, che sta prendendo forma sotto la regia sapiente del ds Pelliccioni.

Potrebbe interessarti

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

  • Assegno di maternità: cos'è e come richiederlo

I più letti della settimana

  • E' un'estate di sangue, nuova tragedia: centauro cesenate perde la vita

  • Nuova tragedia stradale: perde la vita uno studente 17enne

  • Salta la fila, urta una bimba e lo insulta. Scoppia la lite con ceffone

  • Incidente in un allevamento durante le operazioni pulizia: un morto

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • Il Cesena e il Rotary piangono Maurizio Borghetti: l'imprenditore con la passione dei viaggi e del calcio

Torna su
CesenaToday è in caricamento