Per il Cesena il derby con l'Imolese. Modesto chiede "testa giusta e attenzione"

L'allenatore presenta il derby partendo da un’ultima analisi della sconfitta a Padova

"Siamo in crescita". Mister Francesco Modesto carica i suoi alla vigilia di Cesena-Imolese. L'allenatore parte da un’ultima analisi della sconfitta a Padova. "Resta una grande prestazione contro una squadra che si giocherà la promozione fino alla fine - esordisce -. Peccato per il risultato perché un pareggio sarebbe stato più giusto. Il Padova è stato bravo a sfruttare un nostro errore di lettura, visto che eravamo in cinque contro uno, ma ci può stare. Ha dimostrato di essere fin qui la formazione più completa: se al talento i suoi calciatori uniscono anche lo spirito di sacrificio che hanno dimostrato, vuol dire che hanno tutto. Quanto a noi, il campionato è ancora giovane: ci mancano alcuni punti, se penso alla gara con la Vis Pesaro, ma siamo in crescita, questo va detto".

Ed eccoci al match con l’Imolese: "Partiamo dal fatto che è la terza partita in otto giorni e che la classifica non rispecchia il valore del nostro avversario di domani. Ho visto varie partite dell’imolese e ho trovato una squadra che ha giocato molto bene, tenendo spesso il pallino del gioco in mano: significa che ha qualità. In più, non è mai facile affrontare una squadra che viene dal cambio dell’allenatore: sarà ancora più motivata e si esalterà giocando davanti a tanta gente. Io rispetto sempre l’avversario e tutte le squadre vanno affrontate con la stessa determinazione mentre so benissimo che inconsciamente è più facile giocare col Padova. Invece con l’Imolese ci vorranno la testa giusta e molta attenzione. Poi, come ho detto altre volte, giochiamo in casa e dobbiamo portare dalla nostra parte questo vantaggio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla formazione il tecnico non lascia trapelare nulla: "I ragazzi hanno recuperato bene anche mentalmente perché la stanchezza può essere più da quel lato che fisica. Ma, per me, più si gioca e meglio è. Ho la fortuna di allenare ventisei calciatori che in allenamento mi dimostrano di voler giocare e mi mettono in difficoltà nelle decisioni. Le mie scelte sono in funzione della vittoria, sia quelle iniziali che quelle a gara in corso. Russini? E’ un giocatore che ha caratteristiche particolari: essendo leggero non ha bisogno di troppo tempo per entrare in condizione. Sta bene, vediamo domani che minutaggio potrà garantire".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento