Giro d'Italia, tappone show: a Bagno di Romagna trionfa Omar Fraile

Una tappa difficile, non tanto per le pendenze, ma per i continui sali e scendi lungo il Parco delle Foreste Casentinesi, che hanno reso particolarmente insidioso il tracciato. Tremila metri di dislivello, che potevano far male sulle gambe dei corridori

E' Omar Fraile il vincitore del tappone appenninico dedicato alla memoria di Gino Bartali. Lo spagnolo della Dimension Data ha conquistato il traguardo di Bagno di Romagna dopo oltre 4 ore e 23 minuti di fatica, precedendo in una volata ristretta il portoghese Alberto Rui Da Costa e il francese Pierre Roland. Appena fuori dal podio Tanel Kangert (Astana) e Giovanni Visconti (Bahrein Meriva). Lundicesima tappa del Giro, partita da Ponte a Ema (Firenze), città natale di Bartali, è stata un autentico show, che ha visto i fuochi d'artificio sul monte Fumaiolo . Vincenzo Nibali ha provato ad attaccare la maglia rosa di Tom Dumoulin, misurandogli la "febbre", ma l'olandese ha risposto. Il gruppetto alla fine è arrivato a 1'37".

"Sapevamo che ci sarebbe stata la fuga, la squadra ha fatto un lavoro splendido - ha dichiarato l'olandese -. Gli attacchi di Amador o dei corridori dell'Astana non ci hanno spaventato. Stavamo facendo il nostro ritmo, sapevamo che anche altre squadre avrebbero lavorato per non lasciare troppo spazio alla fuga. Non abbiamo mai avuto paura di perdere la Maglia Rosa. È stato un ottimo lavoro di squadra. Siamo veramente felici della gestione della tappa". Una tappa difficile, non tanto per le pendenze, ma per i continui sali e scendi lungo il Parco delle Foreste Casentinesi, che hanno reso particolarmente insidioso il tracciato. Tremila metri di dislivello, che potevano far male sulle gambe dei corridori. Per Fraile un ritorno alla vittoria a due anni di distanza. "Avevo marcato questo giorno da tempo - ha ammesso lo spagnolo -. E' una vittoria sognata da tanto tempo, un giorno perfetto".

Gli occhi della Romagna erano su Matteo Montaguti. Il meldolese dell'Ag2R La Mondiale, caricato dal pubblico di casa, si è unito alla fuga, ma si è dovuto arrendere sulle asperità del Fumaiolo. "Su tutte le salite c'era qualcuno che mi incitava e mi spingeva ed era fantastico - ha dichiarato -. Negli ultimi 3 chilometri del Fumaiolo mi si è spenta la luce. Forse risento degli sforzi della prima settimana. Ma sono contento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

continua nella pagina successiva ====> LA TAPPA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento