Alla scoperta della 'favola' Diegaro, "Scalata dalla terza categoria all'Eccellenza"

E' il secondo club calcistico di Cesena. Il mister e factotum Stefano Scarpellini racconta il club: "Diamo la possibilità ai ragazzi del territorio di giocare a Cesena"

Mister Stefano Scarpellini

Cesena è una città 'calciofila', lo dimostrano ampiamente i 10mila appassionati che affollano le tribune del Manuzzi quando il Cavalluccio gioca in casa, e non importa che sia serie D o serie C. Ma la voglia di calcio della città si respira tra le tante realtà che sgomitano nelle categorie inferiori.

Una società che sta sicuramente facendo parlare di sé è il Diegaro, secondo in classifica nel gruppo B del campionato di Eccellenza regionale, dietro la favorita Del Duca Ribelle. In estate i 'fuochi di artificio' con gli arrivi di Marco Bernacci, che non ha certo bisogno di presentazioni, un passato con le maglie di Torino, Bologna e Ascoli, solo per citarne alcune. Ma anche di Brenton Tola, tra i protagonisti dell'ultima promozione del Cesena dalla serie D alla C.

A raccontare gli ultimi anni della 'favola' Diegaro è Stefano Scarpellini,  allenatore e direttore generale dell'area sportiva. Svela subito una curiosità: "Sono stato arbitro fino alla serie C, poi ho deciso di sfruttare le mie intuizioni e la mia passione in panchina".

Scarpellini racconta l'exploit di quella che in questo momento è la seconda squadra della città: "In sette anni siamo passati dalla terza categoria all' Eccellenza, per una società che esiste dal  1965". "Merito del presidente Massimo Amaducci, il fondatore - spiega il mister - la filosofia del Diegaro è dare la possibilità ai giovani del territorio di giocare a Cesena, nella loro città. Siamo gemellati con la Nuova Virtus Cesena, accogliamo più di 350 ragazzi".

diegaro foto-2

Un calcio quello dilettantistico fatto di tante gioie, ma anche di sacrifici: "La difficoltà maggiore è trovare introiti, per fortuna noi abbiamo tanti piccoli sponsor del territorio che ci aiutano e noi aiutiamo loro dando visibilità. La nostra forza è il gioco di squadra e lo staff, figure fondamentali sono il ds Massimo Grisolini, che è l'uomo mercato e Filippo Antoniacci, che è il responsabile tecnico, oltre a tanti collaboratori e preparatori".

Per il Diegaro è il terzo anno in Eccellenza, perchè non sognare un ulteriore salto in serie D. "Vogliamo stare lassù ma senza assilli, se dovesse accadere ci organizzeremo". In estate è arrivato Marco Bernacci: "Marco ha fatto una scelta di vita, quella di giocare nel 'giardino di casa', la domenica ci sono i genitori a vederlo. Filippo Antoniacci è uno dei suoi migliori amici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma è arrivato anche Brenton Tola, che lo scorso anno ha contribuito alla promozione del Cesena: "Brenton ha trovato lavoro come fisioterapista e aveva bisogno di trovare una società come noi per continuare a coltivare la sua passione". Proprio quella dell'ex centrocampista bianconero è probabilmente  la cartolina perfetta di un calcio dilettantistico lontano dalle esasperazioni  e dai veleni, ma non per questo meno affascinante. Per la cronaca domenica a S.Agostino, nel ferrarese il Diegaro ha pareggiato 1-1, i sogni di gloria continuano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento