Colpaccio Tigers, ribaltato il fattore campo: vittoria a Piombino

. La Amadori ribalta dunque il fattore campo alla prima occasione e potrà giocarsi il passaggio del turno al Carisport

Dovevano mettere qualcosa in più sugli esterni gli Amadori Tigers Cesena orfani di Sacchettini. Piano partita perfettamente riuscito con Battisti a segnare ben 17 punti, che vanno ad unirsi ai 15 di un De Fabritiis in versione delux e alla doppia cifra di Trapani, Papa e Brkic. La Amadori ribalta dunque il fattore campo alla prima occasione e potrà giocarsi il passaggio del turno al Carisport. Un Carisport he ha mandato in avanscoperta una cinquantina di tifosi caldissimi cui è andato l’onore di intonare Romagna Mia al Palatenda di Piombino, campo capitolato solamente un avolta fino ad oggi.

Primo tempo scoppiettante. Dopo una prima fase di studio con le squadre a mantenere il match in equilibrio, negli ultimi minuti di primo quarto è Francesco Papa a segnare un primo break importante con ben 7 punti consecutivi che lanciano la Amadori sul 13 – 21 a 43’’ dal primo mini intervallo. Cesena trova nel tiro da 2 il suo alleato principale e a tratti la difesa appare debordante. Due azioni sull’asse Papa – Brkic danno la doppia cifra di vantaggio ai Tigers nei primi secondi di secondo quarto. Immediato il time out di coach Andreazza a 9’19’’. Piombino esce benissimo dal minuto di sospensione e a 7’34’’ è Di Lorenzo a ricorrere al time out sul 26 – 27 firmato da Molteni dopo la palla persa di Antonio De Fabritiis. La Amadori però è in partita e quando riesce a chiudere gli spazi sotto canestro, Piombino non riesce a trovare sbocchi in attacco.

Così Cesena si riaccende e con 2 punti sontuosi di Brkic, una bomba di Battisti ed il 2 + 1 di Brkic su assist di De Fabritiis, i romagnoli ritrovano la doppia cifra di vantaggio sul 26 – 37 a 4’40’’. De Fabritiis è in serata e firma prima il 26 – 39 e poi il 29 – 41 in rapida successione. La Amadori rifiata e a 2’19’’ a Ferraro viene fischiato prima fallo su Riva a rimbalzo e successivamente un antisportivo. Di Lorenzo chiama time out e Riva fa 2/4 dalla linea della carità. Il definitivo 35 – 44 di fine primo tempo è segnato da Battisti che, dopo la recuperata di Papa sotto il canestro piombinese, penetra in velocità subendo fallo e centrando entrambe i tiri liberi.

Nel terzo quarto la prevedibile reazione di Piombino si materializza col 5-0 griffato Procacci-Persico. Cesena risponde subito però con De Fabritiis e Papa fra punti e recuperate e quando Battisti fa 1 7 2 dalla lunetta a 6’55’’ dall’ultimo mini intervallo, la Amadori è avanti 40-49. A 3’47’’ una sfuriata di Fratto, bomba e canestro da sotto, costringe Di Lorenzo al time out sopra appena di 3, 46-49. Frassineti rimette in careggiata i suoi dalla media e Trapani certifica la nuova spinta bianconera con il 2+1 che vale il 48-54. A 1’54’’, sul 49-54, Trapani non buca la retina dalla lunetta, ma subito dopo si ricatta dall’arco per il 49-57 poi ritoccato sulla doppia cifra di vantaggio.

La Amadori ha il match in mano, ma sa anche di non potersi fidare di Piombino, che infatti si riavvicina pericolosamente approfittando di un piccolo blackout offensivo dei romagnoli. A 2’30’’ Pedroni monetizza il quinto fallo di De Fabritiis e accorcia sul 67-72. Battisti però non trema successivamente dalla linea della carità e la difesa dei Tigers ruggisce lasciando poco scampo agli avversari. A 57’’ Francesco Papa decide che è ora di far partire Romagna Mia e inchioda la bomba del +10, 69-79, anticamera del 71-81 finale. Gara 2 mercoledì alle ore 21:00 a Piombino 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Le interviste personali, Andrea Rossi: "Serve alternanza, è un toccasana anche per i nostri avversari"

  • Politica

    La cultura a Cesena deve cambiare rotta? Le 'ricette' dei candidati sindaci

  • Cronaca

    Un giardino per monsignor Gianfranceschi, fu il Vescovo a fianco degli operai

  • Cronaca

    Blitz dei carabinieri in stazione, 'arrotondava' con lo spaccio: 48enne in manette

I più letti della settimana

  • Una fuga di oltre 100 chilometri. L'edizione 2019 della Nove Colli è di Federico Colone

  • Volo di trenta metri nella scarpata e schianto contro un albero: è grave

  • Boato nella notte, assalto al Bancomat: i malviventi fuggono col bottino di oltre 15mila euro

  • Una bella storia di senso civico: l'avvocato perde cellulare e soldi, un migrante li trova e restituisce tutto

  • Un boato per Giuseppe: la festa per l’ultimo arrivato chiude la 49esima Nove Colli

  • Di generazione in generazione l'osteria compie 80 anni, seppe rialzarsi dopo la guerra

Torna su
CesenaToday è in caricamento