Cesena, sono arrivati al fotofinish: Lo Faso: "Qui per ripartire". Munari: "Ho spinto per tornare"

Presentazione in tandem per Simone Lo Faso, attaccante palermitano arrivato dal Lecce, e Davide Munari, cavallo di ritorno

Sono arrivati entrambi al fotofinish del calciomercato, su di loro il Cesena conta molto per risalire la china in classifica. Presentazione in tandem per Simone Lo Faso, attaccante palermitano arrivato dal Lecce, e Davide Munari, per il duttile centrocampista si tratta di un ritorno a casa.

Pelliccioni: "Con Viali più equlibrio"

"Appena c'è stata la possibilità di venire a Cesena, ho parlato con diversi giocatori che consoco, come Ardizzone, De Santis, Marson, e mi hanno detto che è una piazza ideale per giocare a calcio. Lo stadio mi ha fatto subito un gran effetto e la classifica della squadra è bugiarda".

Lo Faso: "Nella mia carriera mi è mancata la continuità"

Simone Lo Faso, classe 98, è un palermitano doc. Con la maglia rosanero è arrivato a debuttare in serie A nella stagione 2016/17 collezionando dieci presenze. Dopo altre due gare nella massima serie, questa volta con la Fiorentina nella stagione successiva, poi il ritorno al Palermo con due presenze nello scorso campionato di serie B. Lo Faso ha preso il numero 20 di maglia. Talento cristallino e carriera fortemente rallentata da un grave infortunio al perone nell'aprile 2018.

Arriva dal Lecce dove ha trovato poco spazio: "Anche se non ho giocato allenarsi con un gruppo di serie A ti fa crescere. Non penso che scendere di due categorie sia una bocciatura, Cesena è la piazza ideale per ripartire. Nella mia carriera è mancata la continuità. Il mio ruolo? Sono un trequartista, mi piace giocare con la palla al piede, devo migliorare nei movimenti senza pallone". Solo 22 anni ma già esperienze importanti con maglie pesanti come Palermo e Fiorentina nella massima serie, a contatto con grandi campioni. "A livello umano ricorderò sempre Astori - spiega con un po' di commozione Lo Faso - ma da tutti i grandi giocatori ho cercato di prendere qualcosa".

Munari: "Volevo restare già in estate"

Per Davide Munari si tratta invece di un ritorno a casa: "Speravo di restare già in estate ma il Torino si è impuntato. Ho spinto molto per tornare, ritrovo un Cesena con tanti giocatori diversi e in una categoria più difficile. Darò il massimo perchè questa società merita di più della posizione attuale".

Munari arriva a titolo definitivo dal Torino dov’era tornato al termine della scorsa stagione dopo le 16 presenze (con un gol) in maglia bianconera nello scorso campionato di serie D. Munari ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2020 e giocherà con il numero 11, lo stesso indossato nella sua prima parentesi in Romagna.

"Sono un giocatore duttile - puntualizza - sulla fascia posso giocare in difesa e a centrocampo". Ha trovato poco spazio nella Primavera granata, "ma allenarmi con il Torino di Mazzarri mi ha fatto crescere". Su entrambi punta il ds Alfio Pelliccioni: "Lo Faso è un top, un giocatore di categoria superiore, deve dimostrarlo in campo. Munari volevamo tenerlo già in estate, ora siamo riusciti a riportarlo a casa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Stoppati dal lockdown, ora possono partire: "Abbiamo fatto anche gli artigiani per il nostro locale"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

  • Covid-19, un nuovo caso a Cesena, in regione il 74% dei malati ha sconfitto il virus

Torna su
CesenaToday è in caricamento