Il Cesena tiene testa alla Reggio Audace, battaglia in campo e un punto per uno

Battaglia in campo e spettacolo sugli spalti, con il Cavalluccio in ripresa. Cesena-Reggio Audace finisce in parità

A fine partita la Curva Mare applaude. I tifosi hanno apprezzato l'impegno dei bianconeri, che in campo hanno tenuto testa e battagliato alla pari con la terza della classe. Cesena-Reggio Audace finisce 0-0, un buon punto per gli uomini di Modesto che hanno mostrato segnali di ripresa, già intravisti nelle ultime prestazioni. Netti i miglioramenti nella fase difensiva, che non ha registrato particolari sbavature.

Prima del fischio d'inizio in ricordo della tragedia di Alessandria la Curva Mare ha chiamato "tutti i pompieri sotto la Curva" con i  vigili del fuoco che sono andati a raccogliere gli applausi. "Salviam la vita agli altri, il resto conta poco", lo striscione esposto dalla curva. Per tornare alla vittoria Modesto sceglie Franco come incursore in appoggio del tandem Butic-Borello. Atmosfera davvero da brividi al Manuzzi con due tifoserie calde che offrono una degna cornice ai 22 in campo. Quasi 1200 i tifosi arrivati da Reggio Emilia. 

La cronaca

Dopo solo un minuto Franco ha la palla buona, servito da Capellini da ottima posizione conclude debolmente tra le braccia di Narduzzo. Al settimo minuto ancora Capellini, cross per Butic che di testa mette a lato, ottima partenza del Cesena. Al 16esimo brividi al Manuzzi, la Reggio Audace trova il gol ma l'arbitro annulla per fuorigioco, in offside Costa. Al 22esimo azione insistita dei bianconeri che si conclude con un destro a lato di Rosaia. Un minuto dopo Modesto è già costretto al primo cambio: fuori Ricci e dentro Maddaloni. Partita maschia e ritmi alti, Butic fa spesso a sportellate con i difensori emiliani. Al 36esimo bella iniziativa del solito Capellini, il suo destro finisce sull'esterno della rete. Due minuti più tardi ci prova Franco con un destro a giro da fuori area che si spegna alto. Al 44esimo Marson blocca senza problemi il diagonale di Kargbo. Al 45esimo Marson salva il risultato, cross dalla sinistra, Marchi stacca di testa, grande risposta del portiere bianconero. Si va al riposo sullo 0-0. Nell'intervallo premiato come "Leggenda Bianconera" Lamberto Boranga, leggenda vera, tra i pali fino a 75 anni. 

Modesto: "Importante non aver preso gol"

Al quarto minuto della ripresa Reggio Audace pericolosissima: Marchi viene anticipato a pochi passi dalla porta, con la difesa bianconera che si salva in calcio d'angolo. Al sesto minuto giallo per De Feudis che ferma un'azione di gioco a metà campo. Al 13esimo anche Franco finisce sul taccuino dei cattivi. Al quarto d'ora slalom di Capellini, il suo sinistro a giro finisce alto, ma il Cavalluccio ci prova, sospinto dalla Curva Mare. Dopo pochi minuti richiamato proprio il "Tabaccaio" entra Franchini, nella mischia anche Zerbin per un Borello impalpabile.   All 22esimo Zerbin scatenato se ne va sull'out destro, falciato da un avversario che rimedia il giallo. Con il passare dei minuti entrambe le squadre perdono un po' di mordente. Al minuto 43 il Cavalluccio in avanti, sugli sviluppi di un corner, stacca Ciofi ma il pallone finisce a lato. Gli ultimi minuti scorrono via senza particolari emozioni, con le due squadre che si dividono la posta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento