Bomber Caturano si presenta: "Per il Cesena ho messo da parte l'aspetto economico"

"E' stata una trattativa lunga - confida il nuovo numero 10 bianconero - per me è motivo d'orgoglio giocare in questa piazza"

Napoletano di Scampia, 30 anni, arriva dalla Virtus Entella il bomber che deve dare la svolta al campionato del Cesena. Giornata di presentazione per Salvatore Caturano, attaccante con 78 reti in 284 presenze nei professiontisti. La sua stagione migliore nel 2016-2017 a Lecce, condita da 17 gol. 

Sull'attaccante c'erano altri club importanti come il Vicenza: "E' stata una trattativa lunga - confida il nuovo numero 10 bianconero - per me è motivo d'orgoglio giocare in questa piazza. Ho messo l'apetto economico da parte e sento di aver fatto la scelta giusta. Ho giocato poco nell'ultimo periodo ma mi sono sempre allenato e sto bene fisicamente. Perchè non giocavo all'Entella? Scelte della società e dell'allenatore, ma ora è il passato, spero di avere un futuro qui".

"Modesto? Resta anche il prossimo anno"

Attaccante puro, "Mi piace 'sentire' la porta", rifiuta l'etichetta di 'salvatore della patria': "Non sono il salvatore della patria, ma mi metto a disposizione, ho giocato in grandi piazze e la responsabilità non è un problema". Sui gol non si sbilancia: "Se vinciamo e non segno va bene lo stesso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caturano trova una squadra capace di conquistarsi 10 rigori, ma che spesso fatica a concretizzare: "Dobbiamo migliorare sotto questo aspetto. In coppia con Butic? Perchè no, ma deciderà Modesto". Poi rivela qualche aneddoto, come il pressing di Ardizzone per farlo venire a Cesena: "Mi scriveva ogni mezz'ora, più di mia madre. La 10? Mi ha chiamato Pelliccioni e mi ha detto che era pronta per me". Sul suo idolo e modello in campo Caturano non ha dubbi: "Ronaldo il brasiliano". La chiusura è sul gruppo: "Noi più esperti dobbiamo aiutare i giovani a crescere, il Cesena non merita questa classifica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento