Basket serie D, Cesena batte Imola e punta alla salvezza contro gli Stars

Cesena vince il primo dei due “spareggi” salvezza contro Imola e si prepara a quello decisivo sabato, sempre al Palaippo, contro gli Stars Bologna

Cesena vince il primo dei due “spareggi” salvezza contro Imola e si prepara a quello decisivo sabato, sempre al Palaippo, contro gli Stars Bologna. Partita di monumentale importanza per la posta in palio che inizia con la versione più bella dell’intera stagione (al pari con il primo quarto di Argenta) in grado di volare subito sull’ 8 a 0 contro un’Imola frastornata. Il totem Balestri (appena 9 gare giocate in stagione) fa polpette del povero Bamania (decisivo all’andata) e coach Fiera è costretto a rivoluzionare i suoi piani. Cesena non sbaglia mia, ma Imola, piano piano si mette in moto evitando la prematura debacle tenendosi comunque in vista, se pur lontana, della targa FC. Il +11 di fine quarto sembra più che rassicurante ma in appena due minuti torna tutto in gioco; uno scatenato Lorenzo Benghi segna 7 dei suoi 12 punti del quarto e riporta i suoi a - 3 (24 a 21) costringendo Cesena a rivedere i suoi piani e a riprendere il bandolo della matassa momentaneamente sfuggitole. E’ Red Rossi, altro dei tantissimi ex infortunati (8 partite out per la frattura della mano) a mettersi in ritmo spingendo i suoi ad vantaggio più ampio che si fissa sul + 6 al gong di metà gara. Avvio di terza frazione con una nuova accelerata di Imola con un Lucchi imprendibile (8 a 0 tutto a sua firma) e aggancio a quota 38 al 3° di gioco, subito sparigliato dalla tripla di Scaccabarozzi che accende il Palaippo. La spinta di Cesena è consistente ma Imola non molla e si riprende il pari a quota 48, prima di prendersi l’impensabile vantaggio alla chiusura del quarto: 49 a 51. Ultimo segmento del match ad altissima intensità in cui la paura di perdere la fa da padrona mandando in scena, a rotazione, una serie di pratiche sportive oltre che mediocri (palla avvelenata, palla in tribuna, ciapa no, lotta greco romana, ecc.) lontanissime dal concetto pur minimo di pallacanestro. La tripla di Soldati del + 3 risveglia il Palaippo che si scalda le mani ad applaudire un sontuoso Balestri (4 su 5 ai liberi proprio nel finale) vero padrone dell’area e giustiziere designato di una Imola che si deve gioco forza arrendere perdendo anche il vantaggio nella differenza canestri nei due scontri diretti che però, a conti fatti, potrebbe non essere importante. Cesena incassa i due punti, lascia Ozzano da sola all’ultimo posto, e  si siede a quota 16 insieme alla stessa Imola e agli Stars Bologna, prossimi ospiti al Palaippo per la gara da cui uscirà l’inappellabile verdetto finale.

Cesena Basket 2005 – International Imola 64 - 56 (22 – 11, 36 – 30, 49 - 51)

Cesena Basket 2005: Scaccabarozzi 7, Rossi Federico 1, Romano 9, Montalti 5, Rossi Filippo 13, Martini 2, Vandelli, Soldati 9, Ambrogi, Babbini 6, Montaguti, Balestri 12. All.Domeniconi.

International Basket Imola: Foronci 3, Lucchi 16, Benghi 16, Dirella 6, Ravaglia 6, Scagliarini, Barbagelata 1, Ciampone, Paciello 6, Bamania, Ginevri 2. All. Fiera.

Arbitri: Cascioli e Campedelli di Carpi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pochi metri poi lo schianto, l'ultimo volo di Paolo: la passione smisurata per il deltaplano

  • Lastre di cemento si staccano dal cavalcavia e si forma un buco di un metro e mezzo: E45 chiusa

  • Lo schianto col deltaplano non gli dà scampo: uomo morto sul colpo

  • Incubo per una 11enne: entra in casa e si trova di fronte i ladri

  • Litiga con la madre e tenta il suicidio: 20enne salvato in extremis

  • Migliaia di uccelli sulla città, cinguettio assordante e auto bersagliate dal guano: la spiegazione del fenomeno

Torna su
CesenaToday è in caricamento