Infezioni da ricovero, l'Ausl Romagna chiarisce: "Fenomeno sotto controllo, trend in calo"

L'Ausl Romagna interviene così sui dati delle infezioni ospedaliere dopo i dati diffusi dalla Lega attraverso il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli

"Il fenomeno è sotto controllo e soggetto ad un trend di calo rispetto al 2016". La Direzione Generale Ausl Romagna interviene così sui dati delle infezioni ospedaliere dopo i dati diffusi dalla Lega attraverso il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli. "Le infezioni ospedaliere sono un tema di principale importanza a livello planetario - esordisce l'Ausl in una nota -. Si stima che nella sola Europa ogni anno 3.2 milioni di persone vengono colpite da questo tipo di infezioni ; l'Agenzia europea deputata al controllo delle infezioni al fine di valutare l'impatto delle infezioni correlate all'assistenza (Ica) in Europa e di eseguire confronti tra gli stati membri, si è dotata di uno strumento comune di rilevazione, rappresentato dall'indagine di prevalenza. L'Italia ha sempre partecipato attivamente a questo protocollo ed nell'indagine in questione, ossia quella del 2016, la Regione Emilia Romagna partecipa con 35 ospedali dei 135 italiani (Piemonte 42, Lombardia 6, Toscana 7, Campania 3 e Lazio 1). La vasta adesione registrata rappresenta un chiaro riscontro dell’attenzione e sensibilità al tema del controllo delle infezioni e uso appropriato di antibiotici, che in Regione vede coinvolte tutte le Aziende sanitarie in diverse attività da oltre dieci anni".

"Il dato medio regionale dell’8 per cento è in linea con quello nazionale e la Romagna ha una media di Ica inferiore al dato italiano: 7% - viene comunicato -. Nonostante ciò è forte e continuo l’impegno a migliorare la situazione. Tant’è vero che i risultati dettagliati di questo studio sono stati oggetto di una serie di incontri in Ausl Romagna, organizzati insieme all'Agenzia Regionale nell'aprile 2017, con larga partecipazione degli operatori sanitari". L'Ausl Romagna ricorda che "già nell'ottobre 2014 era stata istituita, in Ausl Romagna, una Struttura di Programma per la gestione del rischio infettivo e uso responsabile degli antibiotici al fine di avviare, coordinare, implementare e verificare le attività relative alla prevenzione e alla gestione delle infezioni correlate all’assistenza  nonché all’uso responsabile degli antibiotici".

"Secondo il rapporto 2017 della Regione sugli indicatori per valutare le Aziende sanitarie relativamente ai programmi di gestione del rischio infettivo, l’Ausl della Romagna riporta il punteggio più alto in Regione sulla valutazione della organizzazione per contrastare il fenomeno - viene comunicato -. Per quanto attiene a Ravenna, grazie al supporto della Agenzia regionale, si sono avviati programmi specifici atti a contenere il fenomeno, anche attraverso l'assunzione e la formazione di personale qualificato sia medico specialista in malattie infettive, sia infermieristico addetto al controllo delle infezioni. Lavoro che ha portato ad una fortissima riduzione delle infezioni (circa il 50 per cento, come riportato anche ieri), come sarà certificato nella prossima rilevazione. Per fare un solo esempio, le infezioni da Klebsiella resistente ai carbapenemi sono passate da 56 infezioni nel 2017 a 20 del 2018. Infine, ci chiediamo se il detrattore di turno con una modalità così superficiale, abbia effettivamente a cuore il problema, o se anche questa non sia l’ennesima strumentalizzazione, nel vano tentativo di screditare il buon livello delle cure che vengono assicurate in questo territorio".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    E45 chiusa, disperati gli imprenditori: "Perdiamo mille euro al giorno e molti chiuderanno"

  • Cronaca

    E45, Lucchi e Baccini chiedono un incontro al Ministro Di Maio: "Servono ammortizzatori sociali ed aiuti"

  • Cronaca

    Coi carabinieri alla porta e tenta la fuga dal retro, ma gli va male. Aveva anche eroina: arrestato

  • Cronaca

    Camion, chiusa al traffico la provinciale "Mandrioli: con la E45 interrotta i tir sono senza alternative

I più letti della settimana

  • E45, come cambia la viabilità col sequestro del viadotto: tutti i percorsi suggeriti

  • Le strade del cesenate invase da una numerosa colonia di ratti

  • Traffico bloccato sulla Secante per una serie di incidenti

  • E45 senza viabilità alternativa, la vecchia statale è abbandonata da 21 anni: l'abbiamo percorsa

  • Meteo, il Cesenate nella morsa del freddo e della neve: attesi fiocchi abbondanti in collina

  • A 19 anni dalla sua scomparsa una sentenza per Manuela Teverini: 20 anni all'ex marito

Torna su
CesenaToday è in caricamento