Semplicemente Cesena e....le buone, sane abitudini.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

L'Organizzazione Mondiale della Sanità individua nella sedentarietà e la ridotta attività fisica uno dei rischi maggiori per la popolazione.
Le basse percentuali dei bambini che praticano sport, meno della metà, o qualsiasi attività motoria al di fuori del contesto scolastico, dovrebbero quindi metterci in discussione e preoccuparci maggiormente come comunità.
Ma chiediamoci: chi fornisce ai bambini e alle famiglie l'educazione all'attività fisica, indirizzandoli a sani stili di vita?
Siamo certi che i genitori comprendano l'importanza del fare sport ma pensiamo che non esercitino il sufficiente coinvolgimento nei figli, semplicemente perchè non lo hanno mai praticato loro stessi.
La lista civica Semplicemente Cesena considera il coinvolgimento, il sostegno e il contributo anche dei PEDIATRI, utile e insostituibile, nel veicolare l'attività e la cultura sportiva nella fascia di età di propria competenza.
E' infatti importante che l'educazione alla salute inizi fin da piccoli, dal momento che i nostri bambini sono sempre meno abituati a camminare, uscire durante l'inverno, giocare all'aria aperta. E la sedentarietà, incentivata da Tv e computer, sappiamo quanto aumenti con l'età.
Secondo noi questa "battaglia" deve essere condivisa da tutti e, oltre alla famiglia e alla scuola, riteniamo che il RUOLO DEL PEDIATRA possa essere fondamentale nel sostenere e promuovere l'attività fisica nei bambini, proprio perchè in grado di agire sul contesto familiare in un momento dove l'attenzione alla crescita è particolarmente recettiva e avveduta.
Come il pediatra può agire in questa direzione?
- Promuovendo e consapevolizzando nei genitori stessi la cultura all'attività fisica in contrasto alla sedentarietà. Genitori attivi saranno da modello per i figli attivando e riproducendo un circolo vizioso finalizzato al benessere per l'intera famiglia.
- Valorizzando l'attività fisica come momento utile al bambino per acquisire competenze motorie, evidenziandone i progressi nell'ordinario bilancio di salute.
- Sottolineando quanto l'attività fisica e il giocare dei genitori assieme ai propri figli sia utile per migliorare la relazione familiare.
L'esercizio fisico non è salutare solo in relazione alla salute fisica o per contrastare l' obesità infantile, ma è da considerare come un'utile prevenzione anche di carattere psicologico in quanto contribuisce ad una maggiore fiducia nelle proprie possibilità, a potenziare l'autostima e sopportazione allo stress e a contenenere l'insorgenza di stati d'ansia e depressivi, sempre più presenti nella fascia adolescenziale.
Il giocare con gli altri bambini, inoltre, sviluppa competenze, abilità sociali, atteggiamenti e comportamenti che influenzeranno gli anni successivi, come ad esempio comunicare, giocare in gruppo, scegliere, scoprire, esprimere le proprie opinioni.

L'attività sportiva è un'opportunità anche per uscire dall'ambiente familiare sempre molto protetto, imparare l'importanza del rispetto dei tempi e delle regole, considerando l'errore un utile segnale per l'esercizio costante al miglioramento.
È importante che i bambini abbiano la possibilità di provare diverse esperienze motorie, poi crescendo saranno loro spontaneamente ad orientarsi verso un'attività sportiva che potrà essere praticata in forma dilettantistica, pre-agonistica o agonistica, passando così dal GIOCO al DIVERTIMENTO e da questo alla PASSIONE.
Altro...
Torna su
CesenaToday è in caricamento