Elezioni, "Semplicemente Cesena": "Attivare un centro antiviolenza per le donne"

La lista civica ribadisce "l'idea di attivare un centro antiviolenza riservato alla prima accoglienza delle donne oggetto di una qualsivoglia violenza sulle donne residenti nel Comune di Cesena"

"Mettere il cittadino al centro del dibattito politico". Questa la priorità della lista civica "Semplicemente Cesena", intenzionata ad "avanzare proposte che contribuiscano ad un miglioramento costante del benessere dei cittadini di Cesena. Questa settimana pensiamo che sia importante fare conoscere le nostre idee relativamente ad un tema decisamente importante come quello della lotta contro la violenza sulle donne".

"Lavoreremo - illustrano da "Semplicemente Cesena" - con tanta passione e capacità, cercando di proporre progetti che stiano a cuore ai cittadini e che servano per sensibilizzare la nostra comunità su tematiche importanti. Una di queste è sicuramente la lotta contro la violenza sulle donne. Vogliamo avviare un percorso che porti ad affrontare un tema così delicato, non a spot - come spesso accade - ma in modo sinergico con tutti gli attori del territorio, dalle istituzioni alle associazioni di categoria, dalle associazioni ai singoli cittadini".

Tra gli obiettivi "quello di elevare il livello del confronto con le donne della nostra Città: riteniamo che sia giunto il momento di addentrarsi veramente nei problemi che preoccupano le donne, senza limitarsi ad uno sterile confronto propagandistico. Con una vera collaborazione su valori importanti, possono essere messe insieme tutte le migliori energie, e si possono ambire risultati che siano in grado di tradurre in concreto la partecipazione dei cittadini. Noi fin da subito abbiamo posto l'attenzione al tema della lotta alla violenza sulle donne, sempre più diffusa e sempre troppo poco considerata".

La lista civica ribadisce "l'idea di attivare un centro antiviolenza riservato alla prima accoglienza delle donne oggetto di una qualsivoglia violenza sulle donne residenti nel Comune di Cesena. E' importante anche per la nostra realtà territoriale l'istituzione di uno spazio di ascolto e sostegno in cui la donna possa comprendere che esiste una possibilità concreta, un'alternativa a ciò che sta vivendo, potendosi avvalere di tutti gli strumenti necessari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Uno spazio privilegiato - aggiungono -. in cui la donna può esprimere liberamente i propri pensieri e i propri vissuti, raccontare la sua esperienza e ipotizzare un percorso concreto di uscita dalla violenza, basato sulla conoscenza delle risorse presenti sul territorio, nell'ottica di un progetto in rete che veda tutti gli attori, sociali e istituzionali, convergere verso il medesimo obiettivo. Propedeutica a questo diventa anche un'adeguata formazione degli stessi. Noi non vogliamo mettere la donna sotto tutela ma lavorare per liberarla. Vogliamo formare la donna a conoscere anche i metodi pratici e utili per uscire-difendersi dalla violenza compreso l'aspetto di raccolta-prove".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • "Creativo e perfezionista", ha portato la scarpa di San Mauro in tutto il mondo. Tanti ricordano Sergio Rossi

  • "Un giorno tristissimo", si è spento l'imprenditore dell'ortofrutta Daniele Brunelli

  • Stabile il rallentamento del virus (+12), si piange il 16esimo morto. In provincia oltre 1000 positivi

  • Caffè o spesa con bar e supermercati chiusi, una decina pizzicati dai Carabinieri

  • Il contagio si stoppa, zero nuovi casi ma due decessi. Un'altra vittima alla "Maria Fantini"

Torna su
CesenaToday è in caricamento