Salvini a Cesena visita l'Orogel: "Esempio di cooperativa bella ed efficiente"

Dopo Santarcangelo, Bellaria e Forlì, Cesena è l'ultima tappa del tour elettorale romagnolo di Matteo Salvini, giunto per sostenere la candidatura di Lucia Borgonzoni

Dopo Santarcangelo, Bellaria e Forlì, Cesena è l'ultima tappa del tour elettorale romagnolo di Matteo Salvini, giunto per sostenere la candidatura di Lucia Borgonzoni per il prossimo voto alle Regionali il 26 gennaio. La visita di Salvini in città è iniziata intorno a 12.15 di lunedì e si è fermata in via Dismano, prima negli studi di TeleRomagna per la registrazione di un'intervista, per poi raggiungere la sede dello stabilimento Orogel, distante poche centinaia di metri, accolto da Bruno Piraccini, amministratore delegato di Orogel. Per il leader del Carroccio, avvezzo a indossare la divisa utilizzata nei posti che visita, è stato quindi uno scherzo indossare felpa e cappello felpato dei lavoratori dello stabilimento.

Intorno all'una e un quarto si è soffermato a parlare con i media locali e nazionali nello spaccio di via Fossa, tra i frigoriferi contenenti i prodotti surgelati del marchio cesenate, il principale operatore in Italia per quanto riguarda la verdura surgelata. Scherzando ha detto: “Il 14 gennaio vengo qui a fare la spesa”, una volta che gli è stata comunicata la data dell'inaugurazione del nuovo magazzino. Salvini ha elogiato l'Orogel: “E' un esempio di cooperativa bella, sana, che reinveste gli utili, fa lavorare duemila agricoltori italiani e produce prodotti italiani. Mi spiace che abbiano dovuto aspettare anni per poter ampliare la loro azienda e rendo omaggio alla cooperazione sana, che è fondamentale per l'Emilia-Romangna e per tutta l'Italia”. L'apertura al mondo cooperativo era venuta poco prima anche nel comizio in piazzetta San Crispino a Forlì, dove Salvini ha spiegato che la Regione Emilia-Romagna, in caso di vittoria, “aiuterà le cooperative, quelle vere, mentre farà pagare tutte le tasse a quelle che sfruttano i lavoratori”.

VIDEO - Salvini in visita allo stabilimento Orogel

Salvini ha commentato anche il voto in Spagna, con la crescita della formazione di destra, "gli amici di Vox", come li definisce: "Sono contento che in Spagna i temi della difesa dei confini, della difesa delle tradizioni, della lotta all'immigrazione clandestina siano stati premiati da milioni di lettori, mi spiace che molti giornali e telegiornali oggi liquidino questo voto di libertà in Spagna come voto ai fascisti, franchisti, razzisti. Sono solo spagnoli che vogliono vivere tranquillamente a casa loro. E' un segnale dell'Europa che cambia, la cambieremo assieme questa Europa".

Bonaccini: "Salvini in Romagna solo quando c'è campagna elettorale"

Nel suo tour cesenate Salvini è stato 'scortato' da un'ampia delegazione: Jacopo Morrone, segretario della Lega romagnola, Massimiliano Pompignoli, i consiglieri comunali Sirotti Gaudenzi, Biguzzi e Baratelli. Presente davanti allo spaccio Orolgel di via Fossa anche il presidente di Confcommercio e del Cesena calcio Patrignani. Il 'Capitano' è stato accolto davanti al punto vendita del colosso cesenate dei surgelati dalla'amministratore delegato Bruno Piraccini che ha illustrato a un compiaciuto Salvini i numeri di Orogel: "Ogni anno puntiamo sugli investimenti, 20-25 milioni di euro all'anno, abbiamo circa 1100 dipendenti". Il leader leghista ha definito l'azienda cesenate un "esempio di cooperativa virtuosa". "Cosa devo dirvi ancora?" ha detto ironico Salvini ai cronisti, un po' provato dal tour de force romagnolo, che ha visto a Cesena la sua ultima tappa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul summit che ci sarà il prossimo 19 novembre a Berlino tra Conte e Merkel: "L'Italia faccia l'Italia, spero che per noi non ci sia una resa incondizionata. Ho bloccato gli sbarchi, spero che Conte non riapra porti e aeroporti". L'ultima 'fatica' per Salvini il pranzo alla scuola di cucina Orogel con gli imprenditori del settore agro-alimentare.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Agro-alimentare, il Gruppo Amadori cede Fattoria Apulia: l'operazione 

Torna su
CesenaToday è in caricamento