Presenze turistiche in calo a San Mauro Mare: "Dobbiamo creare un'Oasi verde romagnola"

"I dati statistici del movimento turistico nei mesi estivi, maggio-settembre 2019, segnalano un profondo rosso per San Mauro Pascoli rispetto al 2018"

A San Mauro Pascoli presenze turistiche ancora in calo. "I dati statistici del movimento turistico nei mesi estivi, maggio-settembre 2019, segnalano un profondo rosso per San Mauro Pascoli rispetto al 2018 - commenta Simone Pascuzzi del gruppo San Mauro di nuovo - Maggio -28%, giugno +2.4%, luglio -9.4%, agosto -0.5% e settembre -19%. I numeri parlano chiaro: senza catastrofismo, è opportuno chiedersi perchè un turista dovrebbe venire a San Mauro Mare. Se la politica di decoro dell’amministrazione è via Cristoforo colombo color senape allora non ci siamo! Dobbiamo portare sul nostro territorio emozioni, storie e passioni, per catturare l’interesse di un numero sempre maggiore di turisti".

Nicola Rossi, capogruppo in consiglio comunale di San Mauro di Nuovo, aggiunge: “Il problema è sammaurese ma anche romagnolo: abbiamo un modello di turismo vecchio e dovremmo stimolare investimenti, ma il fatto che le gestioni delle strutture alberghiere siano spesso in affitto di certo non aiuta. Le amministrazioni e la politica possono comunque fare molto, e in primis devono indicare una strada: ritengo che l’unica via sia quella di mirare a un’evoluzione verde della riviera, a un'Oasi verde romagnola che attragga i turisti di tutte le età. Puntiamo sullo sport all’aperto, sui prodotti a km 0, sulla bellezza! A livelli più alti dell’amministrazione comunale, invece, è necessario ragionare sul miglioramento della qualità dell’acqua marina, intervenendo in maniera severa sull’inquinamento delle acque fluviali: anche questo è difesa del territorio. Come San Mauro di Nuovo presenteremo al prossimo consiglio comunale una mozione affinché l’amministrazione si impegni a produrre una strategia turistica negli anni a venire consultando cittadini, associazioni e imprenditori così da produrre una vera e propria linea guida. Abbiamo bisogno di lungimiranza: la politica deve facilitare l’innovazione, non rallentarla".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, riprende Pascuzzi: “L'attuale giunta, e quelle precedenti, hanno sempre adottato la solita politica turistica, basata sul concetto delle opere pubbliche, ma di fatto è mancato l’incremento turistico. Dobbiamo riprendere la Bandiera blu, salvaguardare il litorale e la qualità delle acque e agganciare la città a eventi sportivi anche di livello nazionale. La partita più importante inoltre si gioca sull’arena Arcobaleno: senza un’ambiziosa riqualifica destinazione turistica non andremo da nessuna parte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento