Potere al Popolo: "Fondo per l'affitto? Elemosina della Regione e del Comune"

"Troppo poco o nulla per chi un tetto sulla testa non lo ha, per chi è in mezzo a una strada, per chi non può programmare un futuro"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"Sono 200mila euro, di cui 173mila della Regione, che non hanno né capo né coda, senza sapere quante persone siano oggi in difficoltà con il pagamento degli affitti, troppo alti per troppe persone, famiglie, giovani. Troppo poco o nulla per chi un tetto sulla testa non lo ha, per chi è in mezzo a una strada, per chi non può programmare un futuro (giovani, precari, disoccupati, migranti e immigrati)".

"Nulla sulle morosità incolpevoli, nulla su un piano straordinario per la messa a disposizione di alloggi sociali (bisognerebbe avere anche un governo nazionale capace e in grado di farlo). Nulla per una politica di controllo degli affitti, per un piano di riqualificazione delle periferie e delle zone degradate (ma non come ha fatto Forlì che ha censito le aree degradate per poi organizzare 'blitz' contro le persone senza fissa dimora, senza permesso di soggiorno, considerate pericolose e sospette, tanto per non alimentare paure nella gente). Nulla o poco per il recupero edilizio e per la salvaguardia del territorio, ecco cosa inserire nel nuovo piano regolatore delle nostre città, a proposito, che fine ha fatto?"

Pensare e discutere di eree di espansione per nuovi quartieri dormitorio, quando sono fin troppe le aree abbandonate, degradate e da recuperare è occuparsi del nulla (dopo 10 anni ancora la polemica su Quartiere Novello e Europa ?). Diritto all'abitare, alla città, alla mobilità, queste dovrebbero essere priorità e obiettivi condivisi, altro che pochi euro di facciata in un fumoso e lacunoso fondo per l’affitto”.

Torna su
CesenaToday è in caricamento