Popolari per Cesena: "Diversi dal Pd ma si può lavorare insieme"

"L’Emilia-Romagna è una Regione all’avanguardia in molti campi; non vogliamo mandare al macero il buono fatto. Bonaccini è stato un valido presidente"

"La settimana che si chiude ha fatto registrare diversi interventi sui social, ripresi poi dalla stampa locale, in cui sono stati chiamati in causa direttamente i Popolari per Cesena. In particolare siamo stati violentemente attaccati da Romano Colozzi in quanto rei, a suo dire, di averlo accusato di distorcere la realtà e fare disinformazione". Lo affermano in una nota i Popolari per Cesena, che spiegano: "Nell’articolo-lettera a IlSussidiario.net del 02 gennaio Colozzi afferma testualmente: “Il presidente uscente dell’Emilia-Romagna, infatti, fra le sue proposte avanzate nel corso della campagna elettorale che lo vede impegnato per la rielezione, ha inserito quella di rendere obbligatorio il servizio fornito dagli asili nido.” Colozzi ha poi fatto riferimento (a sostegno della sua tesi) all’intervento di Bonaccini a TG2 Post in cui affermava che rendere obbligatori gli asili era una “sua opinione personale” (e dunque NON una proposta contenuta nel suo programma elettorale).

"L’amica Priya Baldazzi (dei Popolari per Cesena, candidata a titolo personale nella lista civica “Bonaccini Presidente” e che sosteniamo con tutto il nostro entusiasmo) ha “osato” sfidare il politico di lunghissimo corso chiarendo come stavano realmente le cose e dunque smascherando la disinformazione messo in atto. Ne è seguita una immediata reazione, scomposta e nervosa, con un post del 7 gennaio dove lo stesso, oltre che Priya Baldazzi, tira in ballo Gilberto Zoffoli (che in questa occasione non è intervenuto a nessun titolo) e i Popolari per Cesena come gruppo. Nel post cambia le carte in tavola e parla di “idea” di Bonaccini di rendere gli asili obbligatori". 

"A nostro parere in una campagna elettorale occorre prima di tutto ragionare sui programmi e in quello della coalizione che sostiene Bonaccini non è (e non può neppure essere) presente tale proposta. Gli elettori dovrebbero essere messi in grado prima di tutto di giudicare i programmi ed essere aiutati a capirli in modo corretto; anziché concentrarsi sul contro, la Lega dovrebbe cercare di convincere i propri seguaci, programma della Borgonzoni alla mano (sempre che esista), perché votare per lei e mettere la nostra Regione nelle mani di una destra che con la scusa di abbattere un “sistema” ne edificherebbe un altro basato sull’intolleranza, l’esclusione, l’incompetenza amministrativa. Non ci si può appellare ad un generico “cambiamento”: con Borgonzoni faremmo un salto nel buio, anzi nel vuoto". 
Prosegue la nota: "L’Emilia-Romagna è una Regione all’avanguardia in molti campi; non vogliamo mandare al macero il buono fatto. Bonaccini è stato un valido presidente e le sue capacità le riconosce lo stesso  autore nei suoi post.  Che poi Bonaccini abbia (o possa avere) idee diverse dalle nostre è non solo probabile, ma sicuro. Noi siamo diversi dal PD, ma riteniamo si possa lavorare insieme per il bene della nostra città e della nostra Regione, consapevoli che in una coalizione occorre necessariamente trovare una sintesi tra identità e posizioni politiche diverse. La cosa che però ci ha fatto più indignare è stato il titolo del citato post di Colozzi: “I Popolari devono solo tacere”. Questa è forse l’idea di democrazia che hanno lui e i suoi amici? Questa è la tolleranza, la moderazione, il modo di impostare il dialogo tra cattolici che hanno idee diverse in politica?"

"Evidentemente dopo decenni passati a gestire il potere nella DC e in Forza Italia, ora il salto nelle file dei sovranisti della Lega e dei nazional-statalisti di Fratelli d’Italia li porta, magari inconsciamente, ad usare toni e modi tipici della retorica di destra. O forse è il nervosismo che serpeggia tra le loro file per il fatto che i sondaggi li vedano ancora sotto, nonostante l’impegno profuso dal loro mentore e Capitano Salvini. Vogliamo dire con forza che noi Popolari invece non taceremo; al contrario continueremo a parlare e ad essere presenti nella vita pubblica locale, ben consci dei nostri limiti, ma forti della nostra identità, delle nostre idee e dell’entusiasmo che specie i più giovani tra di noi stanno mettendo nell’impegno politico".

"Noi crediamo - concludono i Popolari per Cesena - che democrazia, libertà, pluralismo e soprattutto inclusione e partecipazione siano pilastri e valori imprescindibili della vita politica di una comunità; vogliamo ancora ostinatamente credere nella possibilità di una politica “pulita”, alta, vicina alla gente, moderata nei toni e senza l’arroganza e il tifo da stadio oggi tanto di moda".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

  • Agro-alimentare, il Gruppo Amadori cede Fattoria Apulia: l'operazione 

Torna su
CesenaToday è in caricamento