Nuovo ospedale, Potere al Popolo: "Non diventi un gigantesco spot elettorale"

"La cosa che continua a preoccuparci, e per la quale chiediamo grande impegno, é come mantenere in piena efficienza (da qui al 2025, la data ottimistica nella quale il nuovo ospedale dovrebbe essere operativo) le eccellenze"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"Per mesi ci é stata raccontata una storia, di 156 milioni di euro nella disponibilità di Regione Emilia Romagna e Ausl Romagna, per realizzare in tempi rapidi il nuovo ospedale di Cesena. Il "c'era una volta.." inizia in una calda serata alla festa dell'Unita di Cesena, il posto preferito dal sindaco e dal Partito Democratico per raccontare le storie. E quella di un nuovo ospedale a Cesena, opera strategica per un territorio aveva colto tutti di sorpresa. Non si sapeva nulla di dove, come e quando. Ma il sasso era stato lanciato. Nessun coinvolgimento della città, dei cesenati. Poi viene costituito un Comitato cittadino ad hoc, presieduto dal Sindaco e dove i cittadini vengono relegati al ruolo di "uditori", dove alla fine il confronto appare poco trasparente e ben poco partecipato, 

Mai quanto la presentazione delle conclusioni nei 12 quartieri della città, nominati e presieduti tutti (tranne uno) dal Partito Democratico: "partecipazione zero". E il progetto non decolla, come avevamo facilmente previsto, come i dubbi sul finanziamento Regionale e dell'Azienda USL della Romagna, che oggi si traforano in realtà con lo Stato che sembra subentrare per sostenere interamente l'investimento e sulle tempistiche di progettazione e realizzazione che rendono il 2025 una utopia.  Non ci siamo fatti prendere da facili entusiasmi prima (come hanno fatto invece certi sindacati e associazioni), non lo facciamo nemmeno adesso, come ha invece fatto qualcuno (il sindaco) proponendo un bando europeo per affidare la progettazione definitiva dell'ospedale ad un "archistar".

Davvero originale, peccato che da oltre un anno noi chiediamo e proponiamo, non solo di coinvolgere i cittadini, ma di affidare la progettazione ad "un concorso di architettura" e non per avere un professionista famoso, ma per avere il miglior professionista possibile.  Chissà se la favola avrà un lieto fine oppure no, una scelta strategica come un nuovo ospedale dovrebbe procedere con serietà e impegno, facendo prevalere il buon senso e invece sembra ispirato dalla solita vecchi politica.

E la cosa che continua a preoccuparci, e per la quale chiediamo grande impegno, é come mantenere in piena efficienza (da qui al 2025, la data ottimistica nella quale il nuovo ospedale dovrebbe essere operativo) le eccellenze, in particolare il trauma center, come continuare a considerare fondamentale la centralità del paziente, le professionalità e le tecnologie, come continuare a investire nelle strutture (in particolare pronto soccorso e emodinamica h.24), nella logistica e predisporre un nuovo piano di stabilizzazioni dei lavoratori precari a tutti i livelli e di internalizzazioni dei servizi. Davvero tanto e tanto di più, nella speranza che ormai prossime elezioni amministrative non trasformino tutto in un gigantesco spot elettorale. Rimbocchiamoci le maniche.

Torna su
CesenaToday è in caricamento