Mercato Saraceno, Farneti: "Cittadini vivono sulla loro pelle i disservizi della sanità"

"Abbiamo lanciato un grido d’allarme forte e chiaro sullo stato della sanità nelle località di alta collina e montagna"

“Basta propaganda è quanto chiediamo noi al sindaco Monica Rossi e al PD di Stefano Bonaccini. Abbiamo lanciato un grido d’allarme forte e chiaro sullo stato della sanità nelle località di alta collina e montagna. Ci avete risposto che non conosciamo progetti e iniziative. Invece siete voi che nascondete la realtà. Alcune notti fa un nostro concittadino ha avuto un malore, ma al Punto di Primo intervento dell’ospedale di Mercato non c’è il defibrillatore, presente solo nell’unica autoambulanza in servizio, che era fuori. Nei giorni scorsi un analogo problema ha avuto come protagonista una bambina e, se non fosse rientrata l’autoambulanza, sarebbero stati guai seri. Dunque, chi fa propaganda sulla situazione della nostra sanità e chi invece cerca di sollecitare risposte alle carenze a cui ci obbliga l’Asl Unica della Romagna?”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il capogruppo di ‘Mercato Saraceno Cambia’, Ombretta Farneti, a nome dei consiglieri del Gruppo, si rivolge direttamente al sindaco: “caro sindaco Rossi, è triste constatare che lei continui a negare che i servizi sanitari a Mercato sono carenti e che il ‘serrato confronto con l’azienda sanitaria’, citato in un suo comunicato stampa del 23 gennaio scorso, nei fatti non esista, se i risultati sono questi. I nostri concittadini vivono sulla loro pelle i disservizi e non bevono più le narrazioni autocelebrative degli amministratori Pd. Ormai sono noti i disservizi al punto di Primo intervento, certamente non determinati dal personale che si prodiga con grande professionalità, ma causati dalla disattenzione dei vertici amministrativi e politici della sanità regionale che si disinteressano della montagna. C’è una concreta emergenza medici al punto di Primo intervento, denunciata anche nei giorni scorsi sulla stampa. Questo servizio, a cui fanno riferimento gli abitanti di vasta porzione delle nostre valli, deve essere potenziato subito, non domani, né dopodomani. E parliamo anche di parcheggi. Un tema che vede protagonista in prima persona il sindaco Rossi. Sono mesi e mesi che si va avanti con un nulla di fatto rispetto a un progetto che eviterebbe i parcheggi selvaggi e le conseguenti sanzioni a carico degli utenti. Eppure non si è ancora raggiunto il benchè minimo risultato. Questa, caro sindaco, è la realtà e non può che stupire il fatto che lei continui a negarla”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Sono 740 i positivi in provincia, Cesena piange la sesta vittima del Coronavirus

  • Milleproroghe per turismo e commercio: gli slittamenti previsti dal provvedimento regionale

Torna su
CesenaToday è in caricamento