Lattuca (Immagina Cesena) dà l'ok a Nursing Up: "Bufalini diventi la casa dei malati cronici"

Il candidato sindaco e il sindacato concordano su che futuro garantire al Bufalini, dopo la realizzazione del nuovo ospedale

Fare del Bufalini la “casa” dei malati cronici. L’idea, lanciata nei giorni scorsi dal sindacato degli infermieri Nursing Up, piace al candidato Sindaco della coalzione Immagina Cesena Enzo Lattuca, che ieri ha incontrato Francesca Batani e Gianluca Gridelli, referenti regionale e provinciale del sindacato, proprio per approfondirla.

“L’incontro di martedì – commenta Lattuca – è stato molto positivo. Innanzitutto trovo che sia un bel segnale che un’organizzazione sindacale vada oltre il tema delle rivendicazioni e si impegni con proposte concrete a migliorare i servizi in cui opera. È un atteggiamento di cui oggi c’è un grande bisogno, e che ho apprezzato molto. Per questo ho chiesto di poterli incontrare”.

 E, proprio sul piano delle proposte, il sindacato guidato nella provincia di Forlì-Cesena da Gianluca Gridelli ha dimostrato di avere le idee molto chiare. “Nursing Up – prosegue Lattuca – ha individuato, tenendoli insieme, due temi molto importanti, nonché centrali, per il futuro del nostro sistema socio-sanitario. Il primo è quello legato ai bisogni dei malati cronici, degli anziani e dei disabili; il secondo tema è cosa fare del vecchio ospedale Bufalini una volta che sarà completato il nuovo ospedale di Cesena, già finanziato e di prossima realizzazione. Pensare a questi due temi in maniera congiunta, utilizzando gli spazi dell’attuale ospedale per farne un centro a vocazione socio-sanitaria e riabilitativa, per la gestione delle cronicità in genere e delle problematiche socio-sanitarie legate in modo particolare agli anziani e ai disabili, è una proposta interessante, che mi piacerebbe fosse valutata con il coinvolgimento di tutta la città”.

 “Ma non solo. Un’altra proposta interessante emersa dall’incontro di ieri – conclude Lattuca – è anche quella di potenziare i servizi domiciliari legati all’assistenza socio-sanitaria, in particolare istituendo (o rafforzandola se già presente), la figura dell’infermiere di famiglia o di comunità: una figura professionale che possa affiancare i medici di base nelle attività di prevenzione ed assistenza a quei pazienti che altrimenti, in caso di bisogno, si recherebbero in Pronto Soccorso. Trovo che anche questa idea meriti di essere presa in considerazione ed approfondita, così come andrà sviluppato in futuro il tema, anche questo affrontato nell’incontro di ieri, della gestione del personale nella AUSL Romagna”.

Potrebbe interessarti

  • Alla larga dalle mie piante! Come combattere gli insetti dannosi per il giardino

  • Il sapore dell'estate: 5 ristoranti in cui assaporare la cucina di pesce a Cesena

  • Power nap: 20 minuti per ripartire alla carica

  • Home staging: come vendere casa in fretta, con un piccolo investimento

I più letti della settimana

  • Trema la terra: scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

  • Violento schianto nella notte in autostrada: due morti e tre feriti

  • Violento scontro con il camion, la coppia salta giù dalla moto prima dell'impatto

  • Il terribile schianto mentre andava al lavoro, spezzata la vita del giovane aiuto cuoco

  • Ennesima sciagura stradale: giovane scooterista perde la vita nello scontro con un furgone

  • Auto contro il new jersey per un colpo di sonno: muore un ventenne, gravissimo l'amico

Torna su
CesenaToday è in caricamento