"Semplicemente Cesena" presenta le proprie idee sulla tema della sanità e sociale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Le idee sulla Sanità e Sociale, raccontate dai candidatiti della lista civica Semplicemente Cesena Samantha Mariotti (infermiera) e Andrea Zavalloni (medico di Primo Intervento).

La sanità emiliano-romagnola vuole vincere la sfida che in tem...pi di crisi economica risulta più difficile: mantenere le proprie eccellenze risparmiando e tagliando laddove si può, laddove si deve. Creare una Ausl unica della Romagna sarà la soluzione? Noi crediamo di sì!
Operatori che quotidianamente mettono il loro impegno a servizio della collettività chiedono certezze, per sé ma soprattutto per il servizio che dovrà essere offerto ai pazienti. Pazienti e cittadini a loro volta non vogliono rinunciare ai livelli di assistenza a cui sin'ora sono abituati. Livelli che giudichiamo di prim'ordine. In questo panorama la nostra Lista Civica vuole sottolineare le qualità gestionali e professionali che la realtà cesenate racchiude: infermieri, ostetriche, medici ed operatori sanitari a cui vogliamo dar voce.
In tal senso sentiamo la necessità di considerare questo progetto come un percorso, da compiere insieme. Tecnici e politici dovranno confrontarsi, scontrarsi e decidere. Decidere. Appunto.

Decidere di creare eccellenze e di localizzarle in un presidio piuttosto che in un altro. Decidere di mantenere comunque un sistema di emergenza ed accettazione diffuso nei centri urbani e sul territorio. Decidere di sperimentare case della salute in cui assuma un ruolo primario la figura del medico di medicina generale, con un sistema di gestione del paziente in cui ci sia la possibilità di trattare le cronicità ma anche le acuzie, come gli attuali codici bianchi e verdi del pronto soccorso. Dove si prenda in carico l'assistenza sanitaria di base a 360 gradi.
Decidere di dedicare soldi, risorse umane e progetti per le disabilità, in ogni loro forma: fisica e mentale. La politica deve, a nostro giudizio, mettere al primo posto i più deboli.
Altro concetto che vorremmo stressare è la partecipazione dei cittadini in ambito sanitario. Un cittadino informato non è forse un paziente più consapevole?
Per far questo crediamo di dover divulgare la materia sin dall'infanzia. Pensiamo al valore dello sport espresso e sottolineato già dalla scuola primaria. Studi autorevoli confermano le potenzialità dell'attività sportiva intesa come fortificatrice del fisico ma soprattutto della psiche, in un panorama odierno che si caratterizza per il continuo aumento di patologie quali depressione, stati d'ansia, ed abuso di stupefacenti. E non solo, lo sport come stile di vita, come prevenzione di malattie cardiovascolari per esempio. La consapevolezza inoltre di ciò che mangiamo: alimentazione. In un paese ai primi posti in Europa per obesità infantile. Si impara ad amare se stessi sin da bambini! Siamo convinti che saper praticare un buon massaggio cardiaco possa salvare una vita. Siamo convinti che saper accudire bene un anziano possa dare un lavoro. Siamo convinti che poter partecipare a corsi di formazione ed educazione in ambito sanitario porti comunque ad un'aggregazione. Che dal nostro punto di vista sarebbe già un piccolo miracolo. In una società sempre più portata all'individualismo aggregarsi e portare avanti progetti insieme è già un'ottima medicina. Progetti che vorremmo proporre nelle scuole e fuori. Il distretto dello sport e il centro per impiego delle badanti sono progetti che potrebbero essere realtà.

Avvertiamo la crescente necessità di socializzazione, in ogni ambito, sanitario incluso e siamo convinti che le rivoluzioni partano dal basso.
Lista Civica "Semplicemente Cesena"
Torna su
CesenaToday è in caricamento