La legge regionale non perdona, chiude la sala slot. Il sindaco: "Non si combatte così la ludopatia"

Baccini: "Nei piccoli Comuni, con la nuova normativa, queste attività non possono di fatto esistere e sono obbligate a chiudere"

Nel Comune di Bagno di Romagna  ha chiuso la Sala VLT Agorà, unica sala slot attiva nel territorio comunale e presente nell’abitato di San Piero in Bagno. Questo in conseguenza dell’applicazione della delibera della Giunta Regionale n. 831/2017, che ha introdotto l’obbligo di chiusura delle sale deputate al gioco d’azzardo lecito, se non rispettano una certa distanza da luoghi ritenuti sensibili.

A fronte di questa chiusura il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini è intervenuto esprimendo "il proprio rammarico per la chiusura di un’attività nel centro di San Piero in Bagno, in forza di una disciplina che non risolve il problema della ludopatia, ma va a colpire solamente alcune attività operanti in quel settore. Pur condividendo il fatto che la ludopatia è un problema sociale da combattere, in quanto coinvolge la popolazione ad ampio raggio, provocando seri problemi economici a persone di ogni età e che si riversa poi sulle famiglie e sul sistema del’assistenza sociale – fa sapere Marco Baccini – la normativa che ha portato alla chiusura della VLT Agorà non è lo strumento per risolvere il problema, ma in realtà crea ulteriori danni".

La nuova normativa regionale impone la chiusura di queste strutture, nel caso in cui si trovino insediate nel raggio di 500 metri dai luoghi sensibili, quali chiese, scuole, ospedali, peraltro disposto con forza retroattiva. "Ne deriva che nell’ambito dei piccoli comuni come Bagno di Romagna queste attività non possono di fatto esistere e sono obbligate a chiudere".

"Il fatto illogico – prosegue il Sindaco – è che se da una parte si obbliga a chiudere un’attività per la quale solo pochi anni fa i gestori hanno investito denaro ed impegno e per la quale hanno ricevuto tutte le autorizzazioni dagli Enti competenti, dall’altra continuano ad operare tutti quegli esercizi che contengono le note “macchine da gioco”, in ogni tabaccheria si trovano “gratta e vinci”, perversa il gioco su internet, con buona pace quindi per la lotta effettiva al gioco d’azzardo. Emerge – questa è la riflessione del Sindaco – che nella sostanza si persegue la lotta al gioco d’azzardo solo sulle spalle di alcuni, che sono gli unici a subirne i danni, mentre il gioco d’azzardo continua a dilagare tra la società civile, con scarsa sensibilizzazione sul tema".

"Se l’obiettivo è eliminare questo problema sociale - conclude Baccini - sarebbe meglio un intervento più coraggioso ed eliminare totalmente tutti gli apparecchi da gioco da tutte le strutture, evitando così disuguaglianza incomprensibili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento