La Lega: "Regione in ritardo sui dispositivi di protezione individuale per i sanitari"

"Sulle mascherine e, in generale, sui dispositivi di protezione individuale l’Emilia-Romagna è in estremo ritardo"

"Le polemiche politiche le fa il sindaco Enzo Lattuca ed è ora di finirla con la colpevolizzazione delle forze di opposizione che chiedono risposte concrete e non propaganda. Sulle mascherine e, in generale, sui dispositivi di protezione individuale l’Emilia-Romagna è in estremo ritardo. Sia per la salvaguardia degli operatori sanitari, in primo luogo, che per quella dei soggetti più a rischio, in particolare gli ospiti delle residenze per anziani. Non lo dice la Lega, signor sindaco, ma i sindacati di categoria e le categorie professionali che hanno ripetutamente denunciato la grave situazione in atto”. Lo affermano i consiglieri comunali della Lega in una nota.

“Noi ci preoccupiamo di quello che emerge dai documenti diffusi da associazioni di categoria e da altri organismi di rappresentanza delle professioni sanitarie. Tutti denunciano la carenza o la mancanza di dispositivi di protezione adeguati, a dimostrazione dell’impreparazione del sistema sanitario nazionale e, a caduta, di quello dell’Emilia-Romagna a fronte delle capacità professionali indiscutibili del personale. Da uno di questi documenti, datato 25 marzo, emerge il ‘dato ampiamente sottostimato’ dei professionisti della sanità contagiati, pari a ‘4.824, il ‘9% del totale’. La causa di questa escalation è attribuita alla scarsa dotazione di protezioni adeguate. La conseguenza è quella di una diffusione ancora maggiore del virus negli ospedali e nelle case di riposo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Coronavirus, oltre 300 contagiati nel Cesenate. In Emilia Romagna sono più di 12mila

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Sono 740 i positivi in provincia, Cesena piange la sesta vittima del Coronavirus

Torna su
CesenaToday è in caricamento