I Giovani Socialisti: "I terroristi vogliono destabilizzare la nostra democrazia"

Domenica scorsa i giovani socialisti di Cesena si sono dati appuntamento per argomentare del fenomeno dell'immigrazione e del terrorismo. Ad aprire il dibattito Francesca Rossi, dei Giovani Federalisti Europei

Domenica scorsa i giovani socialisti di Cesena si sono dati appuntamento per argomentare del fenomeno dell'immigrazione e del terrorismo. Ad aprire il dibattito Francesca Rossi, dei Giovani Federalisti Europei. "Obiettivo di questo incontro, e di quelli che faremo in futuro, è stato quello di portare avanti, seppur nel nostro piccolo, ciò su cui la nostra democrazia si basa, e ciò che mirano a distruggere i terroristi: il dibattito razionale", ha affermato il segretario regionale dei giovani socialisti, Enrico Maria Pedrelli.

"Per i terroristi distruggere il nostro modello di società tramite la tecnica del terrore è fondamentale - ha aggiunto -. il fatto che ci vogliano far credere di poterci attaccare in qualsiasi momento e in qualsiasi posto mira a far sì che venga meno in ognuno di noi quella "sensazione" così importante per la quale ci affidiamo al potere di uno stato: la sicurezza. Questo serve a renderci terrorizzati e isterici nel momento in cui dobbiamo trovare le giuste soluzioni a questi gravi problemi. Il risultato é la fine del dibattito pubblico razionale, che rappresenta l'unica premessa, in un sistema democratico, con la quale quale si possono creare soluzioni valide e che possano riflettere il bene comune".

"Il resto delle persone si estranea, sperando che lo stato possa funzionare da solo e risolvere la crisi. Ma se in uno stato democratico le persone non prendono parte alle decisioni politiche, questo stato diventa illegittimo, perché è sulla sovranità popolare che esso si fonda - ha proseguito Pedrelli -. Lo stato sarà quindi solo e delegittimato, in una società divisa, dove le minoranze mussulmane vengono messe all'angolo perchè rappresentano la minaccia che ciecamente ci impone la paura: non potrà nascere niente di buono da una situazione simile".

"La soluzione è quindi mantenere viva la lucidità necessaria con cui si affrontano i problemi e rimanere uniti, cercando soprattutto di parlare ai giovani e alle minoranze mussulmane, affinché tutti prendano parte al sistema di valori, di diritti e di doveri, su cui si fonda la nostra democrazia", ha concluso.

Potrebbe interessarti

  • 5 trucchi per sopravvivere all'estate senza aria condizionata

  • Aperitivi all'aperto a Cesena: ecco la top 5

  • Formiche in casa? Ecco come tenerle lontane

  • Controllo caldaie, le informazioni su pulizia e controlli fumi

I più letti della settimana

  • Non rientra a casa: i familiari lo trovano in un campo sotto un trattore senza vita

  • Eleganza sui banchi del mercato, con il figlio la tradizione continua anche in negozio

  • Lattuca alza il sipario sulla nuova giunta: ecco la squadra dei suoi assessori

  • Violento scontro auto-moto sulla via Emilia: padre e figlio finiscono a terra

  • Ciclista investito, corsa in ospedale con un codice di massima gravità

  • Tenta di rubare un televisore, arrestato nel parcheggio: scatta anche la sospensione del reddito di cittadinanza

Torna su
CesenaToday è in caricamento