Fusione tra le Ausl, Zoffoli (Pd) la boccia: "Passo troppo lungo"

"E' una proposta inopportuna nei tempi e nei modi - accusa Zoffoli - e fa pensare al "passo troppo lungo" di chi non vuol fare quello che effettivamente ci si è impegnati a fare, per garantire il futuro della sanità nella nostra zona"

Redazione 17 dicembre 2011
3

“Rilancio dell’integrazione e collaborazione dei servizi sanitari in ottica di area vasta Romagna: questo è il vero obiettivo da perseguire e non proporre oggi l’unificazione delle ASL di Forlì e Cesena”. E' quel che ritiene Daniele Zoffoli, segretario territoriale del Partito Democratico di Cesena, a proposito della proposta di unificazione delle aziende sanitarie di Forlì e Cesena.

“E' una proposta inopportuna nei tempi e nei modi – accusa Zoffoli - e fa pensare al “passo troppo lungo” di chi non vuol fare quello che effettivamente ci si è impegnati a fare, per garantire il futuro della sanità nella nostra zona. La vera innovazione è portare avanti gli obiettivi che già abbiamo condiviso: in primo luogo Area Vasta e integrazione fra i servizi attualmente erogati a Forlì e Cesena”.

“Fra l’altro, visto che nelle precedenti manovre approvate dal governo Berlusconi sono inseriti tagli per la sanità – osserva Zoffoli -, dobbiamo agire rapidamente per rilanciare la progettualità e l’attuazione dei programmi di Area vasta e per non dover subire imposizioni, anche nei tempi, ma essere protagonisti attivi delle decisioni non più rinviabili”.

“Per garantire il mantenimento degli elevati standard nei servizi siamo chiamati ad uno sforzo di riorganizzazione strategica in ottica territoriale più vasta  - dice Zoffoli - chiedere quindi la fusione Forlì-Cesena è una forzatura che rischia addirittura di rallentare lo stesso processo che deve portare al raggiungimento degli obiettivi strategici già condivisi”.

Passi importanti sono stati fatti con Meldola (Irst) e Laboratorio unico di Pievesestina, “che hanno già dato notevoli risultati del processo di unificazione su territori vasti dei servizi sanitari e devono anche fornire spunti di riflessione per sfruttare a fondo le loro potenzialità”.
 

Annuncio promozionale

Daniele Zoffoli
sanità

3 Commenti

Feed
  • Avatar di Tommaso Martinetti

    Tommaso Martinetti Bravi... chiudetevi nel vostro fortino così andrete sempre meglio. Come si fa ad avere doppioni di ogni cosa tra Forlì e Cesena.. mi sembra uno spreco di soldi e di energia. Guardate che poi a pagare siamo sempre noi poveri cristi. Sarebbe bello andare a calcolare per bene quali sarebbero i risparmi e quanto ci costa avere due asl, due sedi della provincia, due sedi della camera di commercio, due cose di tutto perchè non riuscite a mettervi d'accordo. Non vi è bastata la lezione di Cesenatico?

    il 18 dicembre del 2011
  • Avatar di steno

    steno i soliti problemi dei politici italiani, non si fa quello che si dovrebbe fare con mille scuse, equazione = NIENTE PALLE

    il 18 dicembre del 2011
  • Avatar di gilber fante

    gilber fante si chiama zoffoli come quello di Forli ma mi sembra che proponga cose molto migliori,fa anche parte dello stesso partito che a Cesena propone cose diverse,e migliori,che non aForli.Molti si chiedono però ancora come TUTTI i sindaci del forlivese abbiano potuto sottoscrivere il documento presentato qualche giorno fa e giustamente non appoggiato nenanche dal centro sinistra cesenate.Boh..i misteri della poilitica.Certo che la gestione politico sanitaria del forlivese rasenta il fallimentare,ma non solo quella anche altra politica è fatta in modo da dilettanti allo sbaraglio.

    il 18 dicembre del 2011