Fiere, Morrone (Lega Nord): "Gioco al massacro con Rimini"

"Fondere le tre fiere di Forlì, Cesena e Rimini e svendere il 51% di questa presunta nuova società al polo riminese è uno fra i più grandi errori strategico-politici che questa classe dirigente del PD stia per commettere"

"Fondere le tre fiere di Forlì, Cesena e Rimini e svendere  il 51% di questa presunta nuova società al polo riminese è uno fra i più grandi errori strategico-politici  che questa classe dirigente del PD stia per commettere”: interviene duramente il segretario Provinciale della Lega Nord Jacopo Morrone.


 

“Stento a credere – dice - che Bulbi, Balzani e Lucchi siano coscienti di questa loro strategia politica e delle gravi ripercussioni socio-produttive che ne derivano. Mi auguro che almeno i segretari politici del PD Di Maio e Zoffoli che sul tema sono latitanti, si ravvedano quanto prima."

"Si sta regalando a Rimini un ingente patrimonio locale che porta ricchezza e lavoro sul territorio – fa notare Morrone -. Togliere anche questo servizio alla Provincia di Forlì – Cesena costituisce un ulteriore impoverimento occupazionale per l'intero comprensorio provinciale.”



Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"E’ un gioco al massacro – continua Morrone – è una visione politica miope quella dei nostri rappresentanti istituzionali – non mi capacito come il Sindaco Lucchi possa essere contento nel regalare il Mac Fruit a Rimini – allo stesso modo rimango scioccato nel constatare l'immobilismo politico del primo cittadino Forlivese Balzani, incapace di fare le barricate contro un progetto che da qui a breve scipperà  anche la Fiera Avicola alla città di Forlì."




"Gli interrogativi sono tanti e assolutamente poco chiari - conclude Morrone – chi e con quali competenze fra Balzani, Lucchi e Bulbi ha deciso che la fiera di Rimini debba avere una quota maggioritaria rispetto a Forlì e a Cesena?” Il dato certo è che i tre amministratori locali stanno attuando una scelta che danneggia pesantemente il nostro territorio a favore della Provincia di Rimini. Quella che si sta concretizzando non  è altro che l’ennesima scelta politica suicida che va a colpire il patrimonio produttivo ed occupazionale dei cittadini forlivesi e cesenati”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • La tragedia sullo scooter, l'amore per la figlia e la passione per il Maggiolino: "Donato era solare e allegro"

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

  • Grandine come piccole pesche, l'azienda agricola conta i danni: "Dopo 3 mesi chiusi non ci voleva"

  • Scongiurato il 'focolaio' a Cesena, il nuovo caso non collegato al 15enne: è uno straniero del Cas

Torna su
CesenaToday è in caricamento