Elezioni, crolla la roccaforte rossa della Romagna: M5S primo partito, 3 collegi a sinistra, 3 a destra

Il terremoto politico in Italia successivo al voto del 4 marzo è un movimento sismico che investe pesantemente anche la Romagna

Il terremoto politico in Italia successivo al voto del 4 marzo è un movimento sismico che investe pesantemente anche la Romagna. Saltano, infatti, gran parte delle "tradizioni politiche" di questa terra, in primis quella della "roccaforte rossa", specialmente per la parte sud del territorio romagnolo. La Romagna, infatti, nello scenario post voto si delinea spezzata in due: a nord Forlì e Ravenna dove il Pd perde pesantemente ma tiene come primo partito di riferimento, a sud Cesena e Rimini dove invece nelle sfide secche nei collegi uninominali vince il centro-destra in modo diffuso. Il Movimento 5 Stelle  primo partito in molti Comuni  e la Lega Nord ha visto il suo exploit, in modo ancora più marcato che a livello nazionale soprattutto rispetto Forza Italia.

Collegi

Con i dati provvisori, ma ormai con poche sezioni ancora da scrutinare, nei sei collegi romagnoli tre vanno al Pd e altri 3 al centro-destra. Per il Pd vincono Marco di Maio (Camera Forlì), Stefano Collina (Senato Ravenna-Forlì) e Alberto Pagani (Camera Ravenna, quest'ultimo con due terzi delle sezioni scrutinate distacca solo di 1.700 voti la contendente Samantha Gardin).   Per il centro-destra si affermano Simona Vietina (Camera Cesena, di Forza Italia), Antonio Barboni (Senato Rimini-Cesena, di Forza Italia) ed Elena Raffaelli (Camera Rimini, della Lega). Nei collegi riminesi il centro-sinistra è la terza forza politica, dopo il centro-destra e il Movimento 5 Stelle. Sicura l'elezione nei collegi proporzionali di Jacopo Morrone, capolista della Lega Nord, di giulia Sarti per il M5S e probabilmente di Carlo Ugo De Girolamo sempre nei pentastellati. Se così fosse la Romagna potrebbe esprimere 3 parlamentari Pd, 2 della Lega Nord, 2 di Forza Italia e 2 del Movimento 5 Stelle.

I partiti

Per il voto proporzionale alla Camera le tre province romagnole sono sotto un unico collegio plurinominale. Ad  esso bisogna guardare per vedere i nuovi rapporti di forze tra i partiti sul nostro territorio. ed emerge che in Romagna il primo partito è il Movimento 5 Stelle con il 29,3% dei voti, seguito dal Partito Democratico, che subisce uno storico sorpasso, che arriva al 25,8%. Terza forza romagnola è la Lega Nord, che ottiene un exploit andando al 18,7%. Al quarto posto Forza Italia col 10,2%, al quinto Liberi e Uguali col 3,7% e poi Fratelli d'Italia al 3,1%. La lista +Europa di Emma Bonino ottiene il 2,63%, tutte le altre formazioni politiche sono sotto l'un percento. Tutto il blocco dell'estrema destra ottiene in totale l'1,2% e quello della sinistra radicale circa il 2%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le città

Nelle città maggiori della Romagna il Movimento 5 Stelle è il primo partito pressoché ovunque: a Ravenna, Rimini, Cesena e Riccione. Solo a Forlì e a Faenza il Pd resta la prima forza politica .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Stoppati dal lockdown, ora possono partire: "Abbiamo fatto anche gli artigiani per il nostro locale"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

  • Covid-19, un nuovo caso a Cesena, in regione il 74% dei malati ha sconfitto il virus

Torna su
CesenaToday è in caricamento