E45, i sindaci scrivono a Toninelli: "Convocare tavolo operativo per la gestione dell’emergenza"

 “Era stato lo stesso Ministro Toninelli – commentano il presidente dell’Unione Valle Savio Paolo Lucchi ed il vicepresidente Marco Baccini –, nel corso dell’incontro tenutosi a Roma lo scorso 22 gennaio, a manifestare la volontà di attivare un tavolo operativo"

Convocare a strettissimo giro il “Tavolo di lavoro ministeriale” per gestire l’emergenza legata alla chiusura della E45. È questa la richiesta che i Sindaci dei Comuni di Cesena e Bagno di Romagna (in rappresentanza dell’Unione Valle Savio), Pieve Santo Stefano e Sansepolcro (in rappresentanza dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana) e Città di Castello (in rappresentanza dei Comuni dell’Alto Tevere Umbro) hanno rivolto ieri al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli.

 “Era stato lo stesso Ministro Toninelli - commentano il presidente dell’Unione Valle Savio Paolo Lucchi ed il vicepresidente Marco Baccini –, nel corso dell’incontro tenutosi a Roma lo scorso 22 gennaio, a manifestare la volontà di attivare un tavolo operativo più ristretto alle Regioni e ai sindaci rappresentativi del territorio, con la necessaria presenza di Anas, per coordinare tempi, operazioni ed informazioni. Per questo, ad oltre dieci giorni da quella data, siamo a chiedere di non aspettare altro tempo perché ogni giorno che passa le imprese, i lavoratori ed i cittadini che stanno subendo le conseguenze della chiusura della E45 sono sempre più in difficoltà”.

Nello stesso incontro, come scrivono i sindaci nella loro lettera, il Ministro si era anche impegnato a risolvere con la massima celerità la situazione complessiva connessa alla chiusura della E45, garantendo l’impegno del Governo di pretendere da parte di Anas di accelerare quanto più possibile i lavori di ripristino e messa in sicurezza del Ponte Puleto, peraltro già appaltati e affidati, e di autorizzare Anas a farsi carico delle competenze sulla viabilità locale alternativa, in modo tale da garantire interventi rapidi attraverso Anas stessa, stanziando le risorse necessarie all’adeguamento ai nuovi volumi di traffico.

 “L’incontro a Roma - concludono Lucchi e Baccini - (al quale, in rappresentanza del territorio dell’Unione Valle Savio, erano presenti anche i sindaci di Mercato Saraceno Monica Rossi, di Verghereto Enrico Salvi, di Sarsina Enrico Cangini, il segretario territoriale della Uil Marcello Borghetti ed il Presidente della Confcommercio Cesenate Corrado Augusto Patrignani), per quel che riguarda le rassicurazioni ricevute da parte del ministro Toninelli era stato estremamente positivo. Ora però serve passare rapidamente dalle parole e dalle intenzioni ai fatti, per dimostrare che davvero si intende risolvere con la massima celerità la situazione complessiva connessa alla chiusura della E45”.

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA

Egregio Ministro Toninelli,
facciamo seguito all’incontro del 22 gennaio scorso, in occasione del quale abbiamo favorevolmente ricevuto il Suo impegno a risolvere con la massima celerità la situazione complessiva connessa alla chiusura della E45. Le conclusioni di quell’incontro, infatti, sono state fissate, Suo tramite, nell’impegno del Governo di pretendere da parte di Anas di accelerare quanto più possibile i lavori di ripristino e messa in sicurezza del Ponte Puleto, peraltro già appaltati e affidati, e di autorizzare Anas a farsi carico delle competenze sulla viabilità locale alternativa, in modo tale da garantire interventi rapidi attraverso Anas stessa, stanziando le risorse necessarie all’adeguamento ai nuovi volumi di traffico.

A tal riguardo, era anche emersa la volontà di attivare un tavolo operativo più ristretto (alle Regioni e ai Sindaci rappresentativi del territorio) per coordinare tempi, operazioni, nonché per coordinare le informazioni. Ora, considerando che ad oggi nulla è cambiato rispetto alla situazione originaria e che anche eventuali provvedimenti parziali da parte della Magistratura non risolverebbero i gravi problemi che stanno emergendo – ogni giorno di più – sui territori, Le chiediamo di poter convocare a strettissimo giro il tavolo di lavoro con la presenza necessaria di Anas, così da poter tracciare le linee di intervento, con valutazioni di tempi e risorse.
In attesa di una Sua convocazione a stretto giro, Le porgiamo i nostri distinti saluti.

Paolo Lucchi – Sindaco del Comune di Cesena
Marco Baccini – Sindaco del Comune di Bagno di Romagna
Albano Bragagni – Sindaco del Comune di Pieve Santo Stefano
Mauro Cornioli – Sindaco del Comune di Sansepolcro
Luciano Bacchetta – Sindaco del Comune di Città di Castello

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Lastre di cemento si staccano dal cavalcavia e si forma un buco di un metro e mezzo: E45 chiusa

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

Torna su
CesenaToday è in caricamento