"Imu: aumentiamo per la neve, ma siamo i meno contenti"

Sono queste le tre direttrici del maxi emendamento al bilancio di Previsione 2012 presentato da sindaco e suo vice

Coprire i costi, contenere le spese e rilanciare l'economia. Sono queste le tre direttrici del maxi emendamento al bilancio di Previsione 2012 presentato da sindaco e suo vice. E' stato necessario rivedere il documento precedente a causa della neve che ha fatto schizzare in alto i costi di 16milioni e 441mila euro. In apertura bisogna premettere che il perno della “manovra” è una sorta di “patrimoniale” che incide sulla seconda casa, ma non impatta su prima casa e su Irpef. Se il gettito dell'Imu si rivelerà eccedente rispetto il fabbisogno dei cittadini, si abbasseranno le tasse.

Coprire i costi. Prima tappa è l'Imu, l'imposta sostitutiva di Ici e Irpef sui fabbricati. La scelta dell'amministrazione è quella di lasciare invariata l'imposta al 4 per mille per la prima casa e dimezzando l'aliquota per i fabbricati agricoli che passa dal due all'uno per mille. Si “farà cassa” applicando l'aliquota massima consentita per le seconde case e per le unità immobiliari destinate ad attività. Per loro l'aliquota sarà fissata al 10,6 per mille.

Questa nuova impostazione produrrà un gettito di 51milioni  e 298mila euro. Di questi 16milioni e 665mila euro andranno allo stato mentre 34 milioni e 633mila euro al Comune.
Il piatto piange dal punto di vista dei trasferimenti dallo Stato. Sono stati fortemente tagliati. Se nel 2011 a Cesena erano destinati 27 milioni e 433mila euro, nel 2012 sono quattro volte in meno. Per gli amanti dei numeri il dato preciso che ci si attende è di: 7 milioni e 703 mila euro.

Contenere la spesa. Tagli alla spesa corrente del comune per altri 532mila euro. A questi si sommano i 651mila in meno già previsti a gennaio. Ecco il dato scorporato per singole voci: Assunzioni a tempo indeterminato (-280mila euro), Turnover personale (-200mila euro), servizi Asp per le scuole (-20mila euro), fornitura alle mense scolastiche (-32mila euro).

Accanto alla voce emergenza neve è segnata la cifra di 7milioni e 251mila euro. Circa metà dei costi riguardano il ripristino della viabilità.
Rilanciare l'economia. Per tentare l'impresa il Comune è pronto a stanziare 700mila euro. Imprenditoria giovanile in primis con un budget di 200 euro, Altri 200mila sono destinati per il credito alle piccole e medie imprese

Il sindaco Paolo Lucchi ha detto chiaro e tondo che non accetta il “teatrino della politica”. “Siamo i meno contenti di dover aumentare l'Imu – ha detto Lucchi – invito i partiti a far le proprie proposte purché non si limitino solo a dire che è sbagliato aumentare. Mi aspetto un emendamento in cui si dica di aumentare l'imposta sulla prima casa o l'Irpef, il resto è il solito teatrino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura di San Valentino: giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno

  • Il papà accanto alla salma: "Mattia tra poco si va a casa". In consiglio comunale un minuto di silenzio

  • Studente modello del Monti, era appena uscito da scuola: i contorni del dramma in stazione

  • Suicidio al liceo, troppa pressione a scuola? L'esperta: "Il risultato non è mai abbastanza"

  • Ha lottato contro il sarcoma di Ewing, addio a Steven Babbi. "Ha amato la vita fino all’ultimo istante"

  • Furgone colpisce un'auto e la trascina per una decina di metri: perde la vita un cesenate

Torna su
CesenaToday è in caricamento