Codice rosso, da un avvocato cesenate il primo commento per l'applicazione della legge

“Un concreto passo in avanti per la difesa e la tutela delle donne vittime di maltrattamenti e violenze e di tutte le persone considerate più a rischio"

“Un concreto passo in avanti per la difesa e la tutela delle donne vittime di maltrattamenti e violenze e di tutte le persone considerate più a rischio. Crediamo che l’aver parlato di questo grave problema, il fatto di averlo portato al centro dell’interesse del legislatore e della società, con il grande dibattito che ne è seguito, sia servito a dare impulso e coraggio alle donne che intendono denunciare i loro persecutori. Noi siamo certamente dalla parte delle donne e dei bambini abusati, il nostro obiettivo è quello di tutelarli e difenderli dai violenti e dai persecutori. Puntiamo ad agire di più, a fare di più, certamente di più di quello che è stato fatto nel corso degli anni passati”. 

Lo ha dichiarato l’on. Jacopo Morrone durante la presentazione, avvenuta mercoledì pomeriggio a Roma, nella Sala Stampa alla Camera dei Deputati, del primo commento alla legge 69/2019 ‘Codice Rosso’, di cui è autore insieme agli avvocati Cristina Paolini e Enrico Sirotti Gaudenzi.
All’iniziativa, oltre all’avv. Sirotti Gaudenzi, sono intervenuti i parlamentari della Lega Riccardo Molinari e Lucia Borgonzoni e l’editore Antonio Revelino, moderatore il giornalista Pietro De Leo. “Una norma che tocca più aspetti, che incide in modo positivo sulle procedure per velocizzarle e che è da contestualizzare – ha precisato Molinari – in una riforma complessiva della giustizia a favore e tutela dei cittadini che la Lega ha sostenuto fortemente e che oggi sembra impantanata”.

“Si tratta di un punto dipartenza di quella che deve essere una rivoluzione dal punto di vista dei percorsi della giustizia, ma anche sotto l’aspetto culturale e educativo. Questo – ha spiegato Borgonzoni - è lo strumento legislativo che aspettavamo da anni, a cui far seguire un’accurata formazione e la costruzione di una rete che dia risposte adeguate e veloci, dove gli attori sono soprattutto gli enti locali. Si tratta di problematiche anche complesse, penso per esempio alle adolescenti straniere obbligate a matrimoni combinati o costrette a vite segregate in virtù della loro religione e di tradizioni coercitive, che non possono essere affrontate a colpi di slogan o semplicisticamente, ma con preparazioni adeguate e senza il paraocchi ideologico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’allarme sociale ha reso imprescindibile l’intervento del legislatore il cui obiettivo – ha sottolineato infine Sirotti Gaudenzi - è stroncare sul nascere l’azione criminosa restituendo sicurezza e vicinanza alla vittima. L’impianto normativo è in perfetta linea con la convenzione di Istanbul del 2011, con la direttiva 2012/29 UE, con quanto sancito dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e con la nostra Costituzione, risolvendo quindi una lacuna determinata fino a oggi dall’inerzia dello Stato”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stoppati dal lockdown, ora possono partire: "Abbiamo fatto anche gli artigiani per il nostro locale"

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

  • Covid-19, un nuovo caso a Cesena, in regione il 74% dei malati ha sconfitto il virus

  • Il bollettino sul virus, un nuovo caso a Cesena. I tamponi certificano altri 21 guariti

  • Rifornivano di droga le piazze del Cesenate, la Polizia blocca la banda di pusher: 4 arresti

Torna su
CesenaToday è in caricamento