E45, Marco Di Maio: "Risposte evasive dal governo nonostante le promesse. Ora servono fatti, il tempo è finito"

Il deputato ha ricevuto risposta all'interrogazione che aveva presentato il giorno stesso della chiusura del viadotto, chiedendo quali iniziative il Governo avesse voluto mettere in atto

Continua l'impegno del deputato Marco Di Maio sulla vicenda che riguarda i disagi prodotti dalla chiusura del viadotto "Puleto" sull'E45. Il deputato ha ricevuto risposta all'interrogazione che aveva presentato il giorno stesso della chiusura del viadotto, chiedendo quali iniziative il Governo avesse voluto mettere in atto e quali fossero le condizioni di sicurezza degli altri viadotti dell'E45. 

"Risposte evasive e insufficienti da parte del Governo - commenta il parlamentare -: abbiamo chiesto a che punto fossero le iniziative promesse per far fronte ai disagi, ma ci è stato risposto con cose già note e citando interventi che sono propri della Regione Toscana. Alla richiesta, invece, di far luce su eventuali situazioni di pericolo e instabilità di altri viadotti, nemmeno un accenno di risposta dal sottosegretario Dall'Orco, che ha letto una burocratica risposta scritta dai funzionari senza assumersi alcun impegno". 

"La cosa più grave - aggiunge il parlamentare - è che alle promesse fatte dal ministro Toninelli nel suo sopralluogo, non è stato dato alcun seguito. Aveva garantito che entro 30 giorni si sarebbe sbloccata la situazione, ma la popolazione e le imprese hanno visto poco o nulla di quanto promesso, solo una parziale riapertura che non è in alcun modo sufficiente a mitigare i disagi e i danni provocati dalla chiusura". 

"Il Governo non ha alcuna responsabilità sulla chiusura della strada, sia chiaro - precisa il deputato -, ma ha il dovere di gestire la situazione di emergenza che si è venuta a creare. I cittadini delle zone colpite avevano promosso una manifestazione che, con senso di responsabilità e fiducia nei confronti del ministro e dei vari parlamentari di maggioranza che lo hanno accompagnato, era stata annullata. Nemmeno nelle sedi istituzionali come quella della Commissione Ambiente in cui ho rivolto l'interrogazione il Governo ha fatto chiarezza. Non c'è più tempo da perdere, non è una questione di parte, ma un problema che riguarda tutti: si passi rapidamente dalle parole ai fatti o questa volta difficilmente si riusciranno ad evitare gesti eclatanti da parte delle popolazioni e delle amministrazioni coinvolte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il blogger cesenate che azzecca tutte le previsioni finanziarie, viene chiamato "Il capitano della borsa"

  • L'impero della pelletteria va a fuoco: devastante incendio alla "Campomaggi Caterina Lucchi"

  • Un bel risveglio, va in tabaccheria e scopre di aver vinto al SuperEnalotto: sfiorato il 6 da oltre 62 milioni

  • Inferno di fuoco in azienda, il capannone brucia ancora: Vigili del fuoco in azione col rischio crollo

  • Devastante incendio, l'azienda: "Area produzione intatta, pronti a ripartire in un paio di giorni"

  • Paura nell'azienda alimentare, colpito da una gabbia sospesa: operaio in ospedale

Torna su
CesenaToday è in caricamento