Padre e figlio inventano il sistema per aver energia e calore "fatti in casa"

Piergiorgio e Fabio Pellegrini hanno progettato una macchina che rende la casa indipendente dal punto di vista termico. "Con 500 euro all'anno addio bollette"

Rendere la propria abitazione energicamente indipendente dal punto di vista elettrico e termico: si può? È la domanda che si sono posti Piergiorgio e Fabio Pellegrini, padre e figlio savignanesi, quando all'inizio del 2014 hanno deciso di fondare "Kira Technology", start-up innovativa che si pone come obiettivo la produzione di energia ad alto rendimento tramite una macchina che sostituisce la caldaia e che rende la casa indipendente, permettendo agli utenti di risparmiare sulle spese.

"Volevamo creare una macchina che, partendo da una "biomassa" (materiale organico secco come il pellet o il legno), fosse in grado di generare corrente e acqua calda senza creare danni all'ambiente - spiega Piergiorgio, general manager di Kira Technology - Abbiamo fatto delle ricerche e ci siamo accorti che, al momento, non ci sono cose simili sul mercato, anche se il motore Stirling (quello impiegato in questo sistema) esiste fin dal 1816". Dopo alcuni test, Piergiorgio e Fabio si rendono conto che la cosa è fattibile e iniziano a progettare e a sviluppare i progetti e ad assemblare le componenti, tutto all'interno della loro abitazione. "Siamo un team molto equilibrato: io ho lavorato nell'informatica per molti anni, quindi mi occupo della parte informatica per il controllo del sistema, mentre mio figlio Fabio è ingegnere meccanico e si occupa della parte ingegneristica. Prima di questo progetto lavorava alla Ferrari nella progettazione dei motori".

Il nome deriva dall'unione di "Ki", parola giapponese per rappresentare l'energia del corpo umano, e "Ra", il dio del sole egizio, ed esprime il concetto di "energia derivata dal sole". Ma come funziona esattamente questo "micro-generatore miracoloso"? "Il micro-generatore prende il posto della caldaia, e come tale necessita di un locale apposito. C'è un accumulo per l'acqua (come nelle caldaie) e un ulteriore accumulo per l'energia elettrica. La biomassa viene gassificata tramite un reattore pirolitico che, con un'elevata temperatura e un ridotto apporto di ossigeno, permette di estrarre il "syngas", un gas combustibile. Il syngas prodotto fornisce energia termica per il funzionamento del motore che permette di convertire il calore in energia elettrica. Dal raffreddamento del motore e dai fumi di combustione del syngas deriva l'energia termica di recupero. Sia l'energia elettrica che quella termica possono poi essere accumulate per rendere più flessibile il loro utilizzo".

Anche dal punto di vista ecologico, il micro-generatore presenta grossi vantaggi. "Siamo riusciti a minimizzare i danni ambientali grazie a un sistema con impatto zero sulle emissioni di anidride carbonica, che utilizza fonti energetiche rinnovabili e che ha prodotti di scarto non inquinanti, anzi, che possono essere utilizzati in agricoltura per migliorare la stabilità del terreno". Tuttavia, la macchina presenta anche qualche lato meno positivo. "La difficoltà principale deriva dal fatto che necessita di un locale apposito, e negli appartamenti è una cosa difficile da realizzare. Abbiamo però ideato un sistema per far sì che nei condomini ci sia un unico locale che possa servire tutti gli appartamenti". Anche il costo del micro-generatore non è un elemento da sottovalutare. "Chiaramente costerà molto di più rispetto a una caldaia: indicativamente possiamo dire che avrà un costo compreso tra i 10 e i 20mila euro, ma è una spesa che viene abbattuta nel tempo, perchè con meno di 500 euro di pellet all'anno si può coprire tutto il fabbisogno domestico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La start-up ha ricevuto un finanziamento dalla Regione in quanto riconosciuta come "start-up innovativa" e sta attualmente partecipando a un bando di Edison per ottenere un finanziamento. Dopo due anni di lavoro, ora la macchina è quasi pronta per essere lanciata sul mercato. "Ci manca solo l'ultima componente, il motore Stirling, che arriverà ad aprile. Se tutto funzionerà come previsto, inizieremo con la richiesta delle certificazioni e a fine anno saremo sul mercato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Coronavirus, oltre 300 contagiati nel Cesenate. In Emilia Romagna sono più di 12mila

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Sono 740 i positivi in provincia, Cesena piange la sesta vittima del Coronavirus

Torna su
CesenaToday è in caricamento