Il teatro di Longiano si trasforma in un club newyorkese con la rassegna "Petrella jazz club"

La formula è originale e si è rivelata un autentico successo: si chiama "Petrella jazz club" il programma di musica jazz che per il terzo anno Cronopios propone in collaborazione con JAR (jazzaroundrimini) all’interno del teatro longianese, trasformato a ogni appuntamento in un vero e proprio jazz club. In un'atmosfera magica che lascia immaginare di essere in locali celebri come il Blue Note o lo Small di New York si esibiscono interpreti di primo livello della scena jazzistica nazionale e internazionale.

Si parte giovedì 9 febbraio con il Jack Walrath European Quartet, ovvero con uno dei più quotati trombettisti americani contemporanei, fra i rari testimoni viventi dell’epopea artistica e umana del leggendario Charles Mingus, con cui ha suonato dal 1974 al 1979. Jack Walrath inizia a suonare la tromba a nove anni e completa gli studi nel 1968 al Berklee College di Boston. Dopo un breve soggiorno californiano, dove suona con Glenn Ferris e Ray Charles, approda nel 1970 a New York, mettendosi in luce per virtuosismo e duttilità, doti che gli consentono di passare dal mainstream al latin jazz, ma anche di conoscere Charles Mingus, con il quale inizia una collaborazione che lo porta a registrare due capolavori come "Changes One" e "Changes Two". Jack Walrath, che è anche un originale arrangiatore e compositore, vanta altre importanti collaborazioni, tra cui Quincy Jones, Elvis Costello, George Gruntz Concert Jazz Band, Muhal Richard Abrams, Superband di Charli Persip, Joe Lovano. Con lui sul palco del Petrella Marcello Tonolo al piano, Marc Abrams al basso e Mauro Reggio alla batteria.

Il Petrella jazz club prosegue il 31 marzo con la straordinaria voce di Silvia Donati in Next Step, mentre il 30 aprile, in occasione dell’Unesco International Jazz Day, torna il doppio appuntamento con la musica jazz con il Piano solo di Alessandro Lanzoni, fra gli artisti di maggiore personalità del jazz italiano, seguito dal duo Marta Raviglia e Tony Cattano in Vocione, musica per voce, trombone e cianfrusaglie, ovvero brani presi in prestito dalla tradizione jazzistica e da quella brasiliana, spirituals, ballate rinascimentali, arie barocche.

Accompagneranno le esibizioni momenti di degustazione di vini in collaborazione con rinomate cantine del territorio. Per questa edizione i partner sono Azienda I Turchi, Tenuta Montaia, Azienda Agricola La Castellana. Le degustazioni di due serate vedono la collaborazione della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì e Cesena.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti