Il viennese Czaschka in mostra a Longiano

  • Dove
    Castello Malatestiano di Longiano
    Indirizzo non disponibile
    Longiano
  • Quando
    Dal 26/09/2015 al 29/11/2015
    tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 15 alle 19 – CHIUSO IL LUNEDI
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

La prima mostra avrà come protagonista il viennese Jürgen Czaschka, uno dei più straordinari incisori viventi nell’arte del bulino, con 19 tavole, realizzate per il Don Giovanni di Mozart dalle quali si potra evincere la sua vocazione per il bulino e della poetica che sorregge il suo immaginario creativo. L’insieme di segni che compongono le incisioni di Czaschka – come indica Umberto Giovannini –, non concede nulla alla retorica e, attraverso il segno descrittivo, frutto di una meticolosa ricerca del dettaglio, ha la capacità di rendere palpabile l’incarnato o di restituire, di un oggetto, anche i più minimi particolari, come fosse un bisogno, una necessità, guardando con attenzione la “grande lezione cinquecentesca, da Dürer ai Fiamminghi”. Ma è lo stesso Czaschka, in primis, a rivelare il suo metodo inventivo (costruttivo), quando dichiara che tutto ciò fa parte di un suo gusto personale e ribadisce che gli piace rappresentare un oggetto com’è, per poi andare oltre; ad esempio, del rendere in incisione l’immagine di una bottiglia, dice: “non c’è solo una luce, ma infinite luci, che mutano in un gioco senza tregua, una sfida continua su come arrivare al punto, un punto che esiste solo nella mia mente. Il bulino è l’astrazione totale: c’è solo la linea, il bianco e il nero e, alla fine, anche rappresentare una bottiglia diventa una cosa astrattissima”.

“La grafica – sostiene Czaschka – non ha niente a che fare con la pittura. Io parlo venendo dalla cultura tedesca: i tedeschi pensano, ragionano tramite la grafica, invece in Italia e nei paesi latini c’è un altro concetto della grafica. Penso che con la grafica i tedeschi non cercano delle emozioni. […] nell’espressionismo, ci sono delle xilografie che sono una potente critica della società, sono forti e violente, eppure in esse domina il ragionamento o se vuoi un gusto narrativo”.  La serie di incisioni al bulino, ora, in mostra a Longiano, dedicate al capolavoro di Mozart sono una delle più alte e significative rappresentazioni dell’iconografia dongiovannesca. Sono immagini forti (che trovano ragione in una narrazione ludico-sarcastica, non estranea, anche, a un universo epico pagano), affollate di soggetti, a tratti inquietanti e grotteschi, come nell’incisione, ispirata al verso di Da Ponte: “Se cadesse ancor il mondo nulla mai temer mi fa”, dove “sembra di esser risucchiati in una giostra popolata da individui bizzarri e mascherati come in un Carnevale di Venezia dai risvolti pienamente drammatici”.
Orari di apertura tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 15 alle 19. Chiuso il lunedì
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “100% Federico Fellini”, gli artisti rendono omaggio al grande regista

    • Gratis
    • dal 23 giugno al 19 settembre 2020
    • galleria Il Vicolo
  • Quarant'anni d'arte: la collettiva dei Pittori della Pescheria Vecchia

    • Gratis
    • dal 4 al 26 luglio 2020
    • Museo Archeologico del Compito
  • Dalla fotografia al grande cinema, Cesena omaggia il regista Federico Fellini

    • Gratis
    • dal 27 giugno al 30 agosto 2020
    • Galleria d’Arte del Ridotto

I più visti

  • Patti Smith torna in Romagna con un nuovo concerto

    • 29 luglio 2020
    • piazza Matteotti
  • Tra mercatini, stuzzicherie, musica e workshop torna "Lallapalooza"

    • solo oggi
    • Gratis
    • 10 luglio 2020
    • Vena Mazzarini
  • Levante in concerto al Sogliano summer festival

    • 17 luglio 2020
    • piazza Matteotti
  • Niccolò Fabi passa da Cesena con il tour "Tradizione e Tradimento"

    • 25 luglio 2020
    • Rocca Malatestiana
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CesenaToday è in caricamento