Leopardi e i duecento anni de “L’Infinito”

Sono passati duecento anni da quando Giacomo Leopardi compose la lirica “L’Infinito” (1819), diventata una delle più famose della letteratura italiana.

A questa poesia e al genio del poeta leopardiano, è dedicata “Infiniti Leopardi. Due secoli per una poesia”, seconda serata della rassegna “I suoni dello spirito” organizzata dalla società Amici del Monte.

Appuntamento venerdì 9 agosto alle 21 nello storico scenario del Chiostro quattrocentesco dell’Abbazia di S. Maria del Monte con letture curate da Loris Canducci, Alessandra Fabiani, Daniela Montanari, Iuri Monti e da Paolo Turroni, direttore artistico della rassegna.

Attraverso le letture di poesie, abbozzi e lettere private, si cercherà di entrare nel mondo poetico di Leopardi e di scrutare il suo difficile rapporto con la famiglia.

Sono analizzati testi sia precedenti che successivi a quel fatidico 1819 per comprendere come abbia fatto un ragazzo ventenne a dare vita a un capolavoro immortale, un testo di assoluta perfezione, di scavo psicologico e che da due secoli ci spinge a meditare su un colle, una siepe e su “interminati silenzi”.

La serata vede anche la partecipazione straordinaria del direttore del Conservatorio “B. Maderna” Paolo Chiavacci, che si esibisce al violino solista.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • “Spartan Race”: la sfida è aperta. Due giorni di gare a Cesenatico

    • dal 30 al 31 maggio 2020
    • Parco di Levante e alcune spiagge del litorale
  • Sulle note di Vasco Rossi: la Roxy Bar tribute band in concerto

    • Gratis
    • 5 giugno 2020
    • Jam session
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CesenaToday è in caricamento